AFRAGOLA – “Siamo preoccupati per la qualità dell’aria nel comprensorio di Afragola. A distanza di quattro giorni dall’incendio i capannoni della ‘Cerbone’ continuano ad emettere fumo. Al momento non sappiamo quale materiale si sta disperdendo nell’aria, abbiamo inviato una nota all’Arpac per verificare”. Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “In occasione dell’incendio, sulla cui matrice sta indagando la magistratura, l’intera area è stata coperta da una spessa coltre di fumo che ha reso l’aria irrespirabile. Con ogni probabilità l’etere è stato pervaso da sostanze inquinanti, con ovvi rischi per la salute pubblica. Ora, a distanza di quattro giorni dallo spegnimento delle fiamme, dai capannoni continua ad uscire fumo che, disperdendosi nell’aria, viene respirato dai residenti”.

“Siamo alle solite – spiega Antonio Ianzano, segretario del Sole che Ride a Casoria -. Un quartiere già devastato dall’abusivismo e da varie discariche, abbandonato dalle amministrazioni comunali, viene colpito da questa assurda disgrazia. L’incendio ha costretto gli abitanti del posto a chiudersi in casa, provocando enormi problemi. Siamo in contatto con queste persone per dare loro tutto il sostegno possibile”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments