AFRAGOLA – È ormai quasi un mese che all’Aias di Afragola c’é una grossa emergenza per le dimissioni dei pazienti disabili, ed i familiari probabilmente ormai si sentono arrivati al punto di non ritorno.

“É ormai un mese che i nostri familiari sono senza terapie – dichiara Enzo – mia madre è affetta da una gravissima forma di distrofia muscolare ed è stata dimessa di punto in bianco – vogliamo delle risposte immediate, noi non chiediamo la luna o non chiediamo cose impossibili – prosegue – chiediamo solo ed esclusivamente ciò che spetta di diritto ai nostri familiari che già sono disabili e soffrono.

Mia madre rischia di degenerare e tanti bambini autistici rischiano di regredire – conclude – ormai siamo stufi, vogliamo capire come mai decine e decine di pazienti si ritrovano senza proroghe, ci stiamo unendo tutti quanti e per una class action, in questi giorni abbiamo appuntamento con l’avvocato Sergio Pisani, legale dell’associazione La Battaglia di Andrea, al quale abbiamo deciso di rivolgerci”.

Questa battaglia la sta portando avanti l’associazione La Battaglia di Andrea, la quale ha trovato fortunatamente un supporto anche nel Ministro per le disabilità Alessandra Locatelli che si sta occupando in prima persona della questione.

“Non biasimiamo questi familiari che ormai sono arrivati allo stremo delle forze e della pazienza – dichiara Asia Maraucci, presidente de La Battaglia di Andrea – li stiamo appoggiando dal primo giorno e siamo disposti ad appoggiarli fino in fondo, finché non arrivarà la tanto agognata soluzione.

Tutto questo – prosegue – mi sembra solo un incubo dal quale vogliamo svegliarci tutti. Spero non ci sia bisogno della class action che vogliono intraprendere i familiari – conclude – noi speriamo solo che quanto prima si risolva tutto”.

Intanto ieri mattina il Ministro per le Disabilità Alessandra Locatelli ha aggiornato ulteriormente l’associazione sugli sviluppi della vicenda.

“Il Ministro Locatelli ci ha aggiornato sugli ultimi sviluppi – dichiara il vicepresidente de La Battaglia di Andrea, Luigi Concilio – siamo certi che sta facendo tutto il possibile, ci auguriamo solo che quanto prima sia risolta la situazione, poiché si tratta della salute di bambini disabili”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments