NAPOLI – Il parco Troisi in via 2 giugno a San Giovanni a Teduccio, nella periferia est di Napoli, anche se continua ad essere conosciuto come “il laghetto”, di acqua non ne vede da alcuni anni. Non è però soltanto la mancanza d’acqua nella grande vasca del parco a portare degrado a quel che avrebbe dovuto essere il polmone verde della parte orientale della città, infatti in quell’area a trionfare sono stato di abbandono, sporcizia e vegetazione selvaggia che ha ormai preso il sopravvento su ogni cosa.

“Questo era l’unico spazio verde rimasto in questa zona, dato che Villa Letizia è stata chiusa. Ho chiesto ai custodi del parco i motivi di questo stato di degrado e mi è stato risposto che il personale che si occupava della pulizia e della cura è andato in pensione, per cui ora non c’è manutenzione.”- racconta una cittadina al Consigliere Regionale di Europa verde Francesco Emilio Borrelli.

“Da anni stiamo segnalando all’ufficio tecnico del comune la situazione critica dei parchi cittadini affinché venissero stanziati dei fondi per il loro ripristino e manutenzione. Ci fu comunicato che i fondi erano già stati messi a disposizione e che si trattava soltanto di mettere in atto il piano elaborato, evidentemente, ancora una volta, le cose non sono andate come previsto oppure si è preferito non affrontare il problema. Con l’avvicinarsi della stagione estiva e con la vita sociale, causa covid, che ha subito delle modifiche che per forza di cose dureranno nel tempo, è assolutamente necessario creare nuovi spazi all’aperto e rendere fruibili quelle già esistenti, invece si sta facendo l’esatto opposto. Riteniamo ulteriormente inaccettabile che la periferia continui ad essere abbandonata a sé stessa ogni giorno di più. Vogliamo cambiamenti e li vogliamo adesso. Se il Comune non può prendersi cura dei parchi che allora li dia in affidamento a chi ne garantisca il decoro e la manutenzione del verde.”- ha dichiarato il Consigliere Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments