CASTELLAMMARE DI STABIA – Rione Savorito, oltre 3 km dal centro cittadino ma ancora nel perimetro di Castellammare di Stabia.

Casermoni popolari, aiuole e auto abbandonate. Una statua di Padre Pio guarda verso i Lattari con le braccia aperte, quasi sconfortato dai murales che imbrattano le pareti lungo la strada e le giostrine di legno incrostato.

Qualcuno gli ha avvolto al polso un Rosario, come per scusarsi e mostrare che una mano dall’alto in certi luoghi sarebbe proprio necessaria.

Attorno a lui anche decine di auto dei Carabinieri, quelli della compagnia stabiese.

Stanno setacciando le aree comuni, i condomini, le cantine. Cercano armi e droga.

Le trovano, anche qui, come a Caivano, murate.

Sono nei pozzi dove corrono gli ascensori.

In piedi sulle cabine, i carabinieri scoprono che tra i mattoni sono nascoste armi. Servono torce e spranghe per vincere la malta e raccogliere il bottino.

La droga, invece, è nascosta sul telaio delle cabine. Imbustata, pronta per essere smerciata ai clienti che ronzano attorno al cemento grigio del Savorito.

I militari trovano e sequestrano una pistola cal. 45 con 10 cartucce nel serbatoio, 1 pistola a salve senza tappo rosso, ottima per le rapine, per intimidire.

E poi stupefacenti: 36 dosi di cocaina, 74 di marijuana e 50 di hashish.

Come facilmente comprensibile, nessuno ne ha reclamato il possesso e così è finita sotto sequestro ma a carico di ignoti. Non finisce qui.

Un 26enne è stato denunciato perché ha violato le prescrizioni della sorveglianza speciale, alcuni giovani sono stati segnalati alla prefettura per uso di droga.

E ancora decine di contravvenzioni sono state notificate a centauri e automobilisti incoscienti.

I controlli continueranno anche nei prossimi giorni.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments