NAPOLI – Quella del capodanno 2022 è stata una notte di follia in tutta Italia. Sono tantissimi i cittadini che in queste ore stanno inviando al deputato Francesco Emilio Borrelli decine e decine di video ai limiti della realtà.

Nel napoletano sono davvero in tantissimi hanno sparato colpi d’arma da fuoco per festeggiare il nuovo anno, addirittura un ragazzo si è fatto filmare mentre sparava da un balcone con due pistole, una nella mano destra e una nella mano sinistra. Sempre nel napoletano un gruppo di persone è sceso in strada e ha iniziato a sparare all’impazzata con pistole semiautomatiche, o ancora in un video si vede un uomo sparare dalla finestra e qualcuno che gli grida secondo chi ha fatto la segnalazione “Spara a Borrè”, come se idealmente volesse sparare contro il deputato.

“Sono immagini raccapriccianti e indegne per un paese civile. Come si può solo pensare di dar fuoco e far saltare in aria il manichino di un poliziotto o sparare all’impazzata per strada? Da cittadino italiano mi vergogno per quanto accaduto” ha commentato Francesco Emilio Borrelli, deputato di Alleanza Verdi-Sinistra. “Da anni denunciamo la follia che si consuma ogni maledetto Capodanno. Quello che accade nelle strada delle città italiane è inaccettabile, per questo abbiamo realizzato un osservatorio nazionale sull’utilizzo delle armi da fuoco. Stiamo già raccogliendo tutto il materiale inviato dai cittadini in queste ore e procederemo a denunciare alle forze dell’ordine tutti i profili social che hanno pubblicato immagini in cui è chiaro ed evidente l’utilizzo di armi o azioni criminali. Alcune armi usate per realizzare questi video sono state caricate a salve, ma il gesto di filmarsi mentre si spara dal balcone o per strada e pubblicare tutto sui social resta inqualificabile. Questi soggetti vanno puniti. Non si può far passare l’idea che la notte di San Silvestro tutto è concesso e ognuno può fare ciò che vuole. Per questo mi appello a tutti, segnalate e denunciate sempre. Ogni primo gennaio dobbiamo assistere a un bollettino di guerra, solo a Napoli si sono registrati 11 feriti, tra cui un giovane che si è presentato al pronto soccorso dell’ospedale Pellegrini con una ferita da arma da fuoco nel palmo della mano e non è difficile immaginare cosa sia accaduto o un sedicenne si è presentato con una ferita da arma da fuoco al volto all’ospedale di Frattamaggiore. È necessaria un’azione forte e decisa contro questa gentaglia che distrugge e devasta le nostre città mettendo a repentaglio la vita delle persone. Bisogna porre fine a quella che presto potrebbe diventare una carneficina”. Ha così concluso il deputato Francesco Emilio Borrelli.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments