antonio_aruta

NAPOLI – “Antonio Aruta, studente della Scuola politecnica, è il nuovo Presidente del Consiglio degli Studenti dell’Università Federico II di Napoli.

Così come tutti i suoi predecessori, anche Aruta è stato eletto con la Confederazione degli Studenti, la storica organizzazione universitaria apartitica ed indipendente fondata nel ’95 dall’attuale consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, che detiene la presidenza di questo organo fin da quando è stato istituito. Aruta ha ottenuto 40 dei 45 voti disponibili, testimoniando la condivisione completa della sua figura e della linea politica di Confederazione.“E’ un onore essere la guida del nuovo Consiglio degli Studenti e con grande felicità accolgo la fiducia che Confederazione degli Studenti e il 90% dei Consiglieri mi ha dato” ha detto Aruta per il quale “l’impegno, la passione e la dedizione saranno i perni sui quali porterò avanti il mio mandato, nel rispetto della tradizione dell’Università laica più antica del mondo e degli studenti tutti, che a piccoli passi stanno riprendendo la centralità delle scelte politiche non solo dell’Ateneo ma di tutta la Regione. Proseguirò il mandato sui cinque punti sottoscritti da Confederazione con il Rettore nonché Presidente CRUI, il professor Gaetano Manfredi nel 2014: equità e progressività nella tassazione, potenziamento dell’offerta didattica e miglioramento delle strutture, rimodernare alla luce delle nuove esigenze il concetto di Diritto allo Studio, oramai ancorato a logiche di 30 anni fa”.“Congratulazioni al neo Presidente Aruta e al gruppo della Confederazione degli Studenti della Federico II che rappresentano l’unica realtà politica nazionale, non solo universitaria, che non soffre di problemi di alternanza essendo oltre 15 anni che esprime il Presidente del Consiglio degli Studenti della Federico II” aggiunge Mimmo Petrazzuoli, Presidente Nazionale della Confederazione per il quale “le sfide sul diritto allo studio, di una Università a misura di studente, di un coinvolgimento sempre più “invadente” degli allievi nelle scelte decisionali degli Atenei sono ancora vive ma con questo esercito di ragazzi il futuro è roseo e pieno di diritti; il posizionamento di Apple nella “Federico II”, le Universiadi nel 2019, il trasporto pubblico gratuito per gli universitari, la nuova legge regionale sulle politiche giovanili sono scelte che direttamente o indirettamente interesseranno i giovani universitari e, in queste e molte altre, Confederazione reciterà il suo ruolo di sprone e tutela continuo”.Il parlamentino studentesco porterà avanti la voce degli allievi federiciani per due anni nei quali risultano strategiche le posizioni riguardo il nuovo sistema di tassazione, la nuova sede nell’area della Ex CIRIO e l’incentivazione dei servizi agli studenti. 

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments