Fontana

NAPOLI – “La fontana di Monteoliveto ormai è diventata un simbolo del disinteresse verso il patrimonio artistico napoletano che riceve attenzioni, non certo positive, solo dai vandali che lo stanno distruggendo, eliminando, insieme a testimonianze artistiche uniche al mondo, anche la storia di tutti noi”.Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e l’ideatore de La radiazza Gianni Simioli

che, tante volte, hanno sostenuto le operazioni di pulizia promosse dal movimento Sii turista della tua città che, a breve ne proporrà un’altra, ed evidenziato l’impegno di un dipendente di NapoliServizi che, pur se non rientra nei suoi compiti, di tanto in tanto, ripulisce la fontana.“Purtroppo, tutti gli sforzi sono inutili perché la fontana è di nuovo diventata un ricettacolo di rifiuti oltre a essere deturpata da scritte offensive e stupide” hanno aggiunto Borrelli e Simioli precisando che “a ridurla in quelle condizioni, oltre all’inciviltà dei vandali, è un insieme di inefficienze, a cominciare da quelle delle forze dell’ordine che sono presenti, in gran numero, nella zona, ma non intervengono”.“Una prima soluzione sarebbe quella di riportare la fontana così come era, con la recinzione, una soluzione che dovrebbe essere adottata anche nella galleria Umberto per evitare che di notte diventi terra delle baby gang” hanno concluso Borrelli e Simioli per i quali “anche la Soprintendenza non dovrebbe creare ostacoli visto che si riporta il monumento alla versione originaria”.

 

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments