gdf

CASERTA- La Guardia di Finanza ha sequestrato a Sant’Arpino (Caserta), nell’ambito di controlli effettuati nell’area cosiddetta Terra dei Fuochi, un opificio per la produzione di scarpe ubicato in un locale seminterrato di 300 metri quadrati che operava in assenza delle prescritte autorizzazioni ambientali. Dei sedici operai italiani che erano al lavoro, è emerso, dieci erano totalmente in “nero”.

Il titolare, una donna italiana originaria di Casal di Principe, è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Napoli Nord. I finanzieri del Gruppo di Aversa hanno accertato, in particolare, l’impiego, per l’assemblaggio delle calzature, di colle e solventi altamente tossici senza alcuna precauzione, e la mancanza dell’obbligatorio sistema di aereazione e filtraggio, con grave pericolo sia per la salute dei lavoratori che dei cittadini residenti nelle abitazioni adiacenti. (ANSA).

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments