NAPOLI – Il centro storico di Napoli è ormai da tempo preda delle baby-gang che in sella a scooter e Quad seminiamo il caos e il panico tra le strade rischiando di investire cittadini e turisti. A via Duomo, come in via dei Tribunali, i baby-centauri hanno vita facile dove latitano i controlli delle forze dell’ordine e così sfrecciano a bordo dei loro veicoli a due ruote senza casco dettando le loro leggi. Ecco cosa racconta una cittadina al deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli:

“Eccoci qui di nuovo Francesco, un’altra domenica nella centralissima Via Duomo totalmente abbandonata a sé stessa e senza alcun presidio delle forze dell’ordine, a dover fare attenzione a non fare investire i nostri clienti da questi piccoli teppisti della zona figli di delinquenti e di gentaglia.
Poi però quando viene San Gennaro vediamo centinaia di poliziotti, strade chiuse e a noi commercianti ci impongono di non poter tenere nemmeno un tavolino per lavorare nonostante paghiamo regolarmente fior fior di soldi per le occupazioni di suolo”.

“È trascorso più o meno un anno e mezzo da quando a via dei Tribunali una moto si lanciò a folle velocità tra i tavolini esterni del ristorante Cala la pasta travolgendo dei clienti e la moglie del titolare che rimase quasi uccisa. Da allora poco è cambiato” – commenta Borrelli -“Dove sono i presidi, soprattutto di sera, promessi e tanto reclamati? Che ne è del contrasto alla criminalità e alle baby-gang? Non bisogna lasciare il centro storico in mano a criminali e baby-delinquenti. Nell’aria si sente l’odore di disperazione e paura, quelle dei cittadini, e allora bisogna far in modo di restituire loro tranquillità e sicurezza. Il contrasto all’illegalità deve essere totale e continuo.”

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments