Forte vento, neve e gelo: paura a Ischia, crolla albero su auto a San Sebastiano al Vesuvio (VIDEO)

    1

    NAPOLI – L’ondata di freddo che dalla Russia è dilagata sui Balcani sta coinvolgendo anche il centrosud Italia. E si registrano anche in Campania danni e disagi per i cittadini.
    Il forte vento ha spazzato via l’impalcatura per i lavori di ristrutturazione di una palazzina a Chiaiano. Gli abitanti sono rimasti bloccati all’interno dello stabile in attesa dei soccorsi.
    A Sant’Antimo poi un albero di grosse dimensioni è caduto e ha invaso la strada, chiudendo di fatto l’arteria alla circolazione.

    Nel Napoletano, a San Sebastiano al Vesuvio, ancora un albero, caduto a causa del forte vento, si è abbattuto su una autovettura a bordo della quale viaggiavano madre e figlio. La donna ha riportato un trauma alla testa ed è stata ricoverata in ospedale, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Per il figlio solo lievi escoriazioni.

    Nel capoluogo partenopeo raffiche di vento forti e mare mosso nel Golfo hanno portato alla sospensione quasi totale dei collegamenti con le isole, e fiocchi di neve nella zona collinare della città e a Pozzuoli. In Campania, le scuole sono chiuse per decisione dei sindaci a Napoli, Benevento, ed in diversi Comuni dell’area Vesuviana e del Salernitano.

    Un incidente tra due navi è avvenuto invece nel porto di Ischia sempre a causa del forte vento. La motonave “Don Peppino”, della Gestur, che era in fase di attracco con grande difficoltà a causa delle avverse condizioni marine, ha impattato contro la prua della motonave “Benito Buono” della Compagnia “Medmar”, riportando leggeri danni.
    Intanto la Protezione Civile della Regione Campania ha prorogato l’ allerta meteo fino alle 24 di domenica.

    1 Comment
    Oldest
    Newest Most Voted
    Inline Feedbacks
    View all comments
    Serenella Siriaco
    24/02/2019 21:44

    Che vergogna! Tutti siamo cittadini del mondo con parità di diritti e di doveri.
    Queste manifestazioni ricorrenti, acuite dalla politica del governo, incrementano l’odio razziale . E pensare che il primo disco regalatomi da mio padre è stata Angeli negri ,cantata da Don Marino Barreto.