NAPOLI – Durante la notte le baby gang hanno dato fuoco alla facciata laterale della monumentale chiesa di Sant’Eligio (1270). Il rogo realizzato in occasione dei “fuocarazzi” ha bruciato e danneggiato le pareti in tufo della chiesa angioina.
“Come è possibile che non si riescano a fermare questi giovani gruppi criminali che mettono a ferro e fuoco la città e sfidano lo Stato ogni anno dando fuoco a monumenti, sradicando alberi e bruciando rifiuti e plastiche che poi emettono fumi tossici nocivi per la salute? La gran parte di questi ragazzini sono cresciuti in ambienti criminali o sono figli di delinquenti seriali che hanno insegnato loro a devastare e distruggere la città e i beni comuni. Sono giorni che segnalavamo alle forze dell’ordine gli intenti criminali di questi soggetti tra l’altro annunziate anche sui social. Abbiamo segnalato dove avevano accatastato legname e anche i loro profili e in alcuni casi le loro famiglie criminali. Purtroppo a quanto sembra c’è una vera volontà di permettere a questi soggetti di fare quello che vogliono, di devastare il patrimonio pubblico e anche quello monumentale alla luce del sole. I danni alla Chiesa di Sant’Eligio sono un dramma per l’intera città e per tutte le persone perbene sempre più sole e abbandonate al proprio destino. Ci auguriamo che i piccoli delinquenti vengano presi e vengano condannati per quello che hanno fatto. Le loro famiglie dovrebbero pagare di tasca propria il restauro del monumento. Addirittura alcuni piccoli delinquenti hanno organizzato delle vere e proprie sassaiole contro le forze dell’ordine a San Giovanni a Teduccio- Barra. Quelli identificati e fermati poichè minori sono stati riaffidati ai genitori. Mi domando che senso ha riaffidare dei neo delinquenti alle famiglie che nella gran parte dei casi hanno insegnato loro le regole della mala vita? Andrebbero allontanati da quei contesti non riaffidati a coloro che sono i primi responsabili dei loro comportamenti criminali e violenti” dichiara il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

https://www.facebook.com/francescoemilio.borrelli/videos/681582029675160

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments