NAPOLI – “Abbiamo ricevuto diverse fotografie da parte dei fruitori dei giardini di Palazzo Reale che testimoniano lo stato di degrado in cui versano. Rifiuti di ogni genere sotto le panchine, cartacce e buste di plastica abbandonate nei viali, cestini gettacarte stracolmi. Indice che l’inciviltà regna sovrana e la cura dei giardini è a dir poco inadeguata. Il tutto accade a poco tempo di distanza dalla sconcertante scelta del direttore di Palazzo Reale, Mario Epifani, di tenere fuori i cani e i loro padroni dai giardini. Come se i responsabili del degrado fossero loro. I fatti confermano che i cani non c’entravano niente e che gli incivili continuano a insozzare l’area. Il direttore smetta di scaricare le sue responsabilità sugli altri e riapra subito i giardini ai cani creando uno spazio a loro dedicato”. Queste le parole del deputato Francesco Emilio Borrelli e della consigliera regionale Roberta Gaeta, che hanno ricevuto le segnalazioni fotografiche, e stamattina erano all’ingresso del Palazzo reale vietato ai cani insieme a Francesca Cicatelli e Gerardo Ausiello dell’associazione Qua la zampa.
“Attendiamo che il prossimo 23 gennaio il Tar si esprima sul nostro ricorso – ha dichiarato Francesca Cicatelli dell’associazione Qua la zampa che con Gerardo Ausiello ha promosso la manifestazione per chiedere la riapertura dei giardini di Palazzo reale ai cani – chiarendo finalmente se sia ammissibile o meno l’accesso dei nostri amici a quattro zampe. Nel frattempo attendiamo ancora che il direttore risponda ai nostri quesiti così come lo stesso Tribunale amministrativo aveva disposto”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments