Fuoco e ghiaccio. È così che nelle ultime ore l’Italia è stata divisa.

 

Se al Sud, come in Sicilia, le elevatissime temperature hanno creato l’humus ideale per pericolosi incendi, al Nord, come in Lombardia, quelle stesse temperature elevate, scontrandosi con le correnti fredde, hanno dato vita a fenomeni atmosferici opposti ed estremi. Violenti nubifragi, trombe d’aria e grandinate.

Sono gli effetti dei cambiamenti climatici che causano eventi meteo sempre più spinti, in una direzione o in un’altra, anche in un arco temporale ridotto e a pochi chilometri di distanza gli uni dagli altri.

 

In relazione a quello che è accaduto negli ultimi giorni, dal Settentrione al Meridione della penisola italiana, il deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli è così intervenuto in aula:

 

“I cambiamenti climatici sono oramai un’emergenza. È necessario portare avanti modifiche sostanziali alle strutture e alle infrastrutture dell’intero territorio, in modo da poter reggere ai fenomeni estremi che saranno sempre più frequenti e pericolosi, come piano di messa in sicurezza dal punto di vista idrogeologico, e soprattutto come conversione del sistema produttivo al green.

È una questione di fondamentale importanza che i Verdi urlano ai quattro venti da tempo ma nessuno ascoltava inizialmente. Nel frattempo bruciano i boschi e le montagne, le coltivazioni vanno perdute, le case vengono travolte e distrutte, la gente muore. Troppi i danni in termini economici, ambientali e in vite umane.

Data la gravità di quel che è accaduto in Lombardia ed in Sicilia, chiediamo che la Premier Giorgia Meloni venga al più presto a riferire in aula“.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments