SALERNO – Ennesima tragedia sfiorata a causa del maltempo. È accaduto la sera del’11 febbraio a Coperchia di Pellezzano, nel salernitano, dove una frana del costone collinare ha travolto tre abitazioni.

Fortunatamente non ci sono state vittime né feriti. Le famiglie che risiedono nelle case invase dalla frana sono state evacuate.

I carabinieri della compagnia di Mercato San Severino (Salerno) hanno posto sotto sequestro le tre abitazioni che nella serata di ieri sono state travolte dalla frana staccatasi da un costone collinare a Coperchia di Pellezzano militari, agli ordini del tenente Massimo Avallone, stanno lavorando per ricostruire l’ accaduto ed accertare se lo smottamento di terreno poteva essere evitato.

Non è da escludere l’ intervento della magistratura – come accaduto per la frana caduta la scorsa settimana ad Amalfi -o.

Azioni legali potrebbero essere avviate anche dai proprietari delle tre abitazioni che, nel frattempo, sono stati evacuati.

Tutti i nuclei hanno trovato sistemazione da alcuni familiari ma il Comune di Pellezzano è disposto a trovare loro una struttura ricettiva che li possa ospitare.

Stamattina il vicesindaco Michele Murino ha effettuato un sopralluogo con i tecnici della ditta a cui l’Ente aveva già affidato l’appalto per la messa in sicurezza del costone. Gli operai hanno ripreso le attività di rimozione del fango e dei detriti. Il Comune, inoltre, come previsto dall’ordinanza dei vigili del fuoco, si adopererà per commissionare uno studio geologico su tutto il fronte montano per monitorare la situazione e capire se le due frane siano collegate.

Ma i disagi del maltempo stanno interessando tutta la provincia di Salerno. A Ravello stamattina c’è stato un sopralluogo dei tecnici del Genio Civile in seguito alla frana caduta in via Casa Rossa, che ha provocato il cedimento di una strada.

“Fortunatamente non ci sono stati danni a persone ma poteva essere una tragedia. Ora bisognerà capire se lo smottamento poteva essere previsto ed evitato. Gli eventi meteorologici con il passare del tempo saranno sempre più estremi a causa dei cambiamenti climatici generati dall’inquinamento provocato all’uomo e quindi bisogna correre ai ripari rivedendo e ripensando le strutture e le infrastrutture del territorio.”- ha commentato il Consigliere Borrelli.

https://www.facebook.com/francescoemilio.borrelli/videos/876744216422517

Preoccupazione a Capua (Caserta) e nei comuni limitrofi, tra cui Bellona e Pontelatone, per l’esondazione in molti punti del fiume Volturno, il cui livello si innalzato per le piogge abbondanti fino ad oltre sette metri.

Il sindaco di Capua Luca Branco ha emesso un’ordinanza urgente che dispone per domani la chiusura di tutte le scuole di oggi ordine e grado a “causa della piena del fiume Volturno”.

Lo stesso Branco ha deciso poi di chiudere alcune strade, mentre la Provincia di Caserta ha disposto la chiusura della strada provinciale 333 che collega Capua a Castel Volturno. (ANSA).

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments