Tour-in-bici-lungomare

NAPOLI – Negli ultimi giorni filmati del Golfo di Napoli evidenziano una particolare limpidezza della acque.

In molti hanno con piacere accolto questo fenomeno derivante dal lockdown generato dall’emergenza Covid-19. Ma la cosa seppur spettacolare all’occhio umano è una vera sciagura per una parte dell’ecostistema Marino.

A Lanciare l’allarme il direttore dla stazione zoologica Anton Dhorn Vincenzo Saggese. Un inverno così anomalo non ha permesso all’acqua di raffreddarsi quanto doveva producendo alghe e nutrimenti tali per la sopravvivenza di numerose specie marine.

A determinare questo anomalo riscaldamento dei mari e degli oceani, le immissioni di gas a effetto serra nell’atmosfera.

Mari più caldi vuol dire perdita di biodiversità; ondate di calore mortali; scioglimento dei ghiacci e relativo innalzamento dei mari; minore ossigeno; riduzione degli stock ittici; acidificazione degli oceani che scioglie le conchiglie dei molluschi; sbiancamento delle barriere coralline e moltissimo altro ancora.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments