NAPOLI –  Nuove minacce all’indirizzo del personale sanitario in servizio all’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli dove tre persone sono state denunciate per minacce, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. Una donna ha iniziato a colpire la vetrata dell’accettazione del nosocomio partenopeo lamentando ritardi nell’assistenza al figlio. Al sopraggiungere del marito è iniziata a degenerare la situazione con spinte e minacce ai danni degli operatori, arginata dall’intervento dell’agente del commissariato Montecalvario in servizio presso il posto di polizia dell’ospedale e dagli equipaggi intervenuti su chiamata dello stesso dopo che i tre avevano fatto resistenza.

“L’ennesimo episodio ai danni di medici e infermieri in servizio ad opera dei violenti di turno che non rispettano le regole e pretendono di avere corsie preferenziali all’interno di un Pronto soccorso. Comportamenti inaccettabili che devono essere sanzionati in modo esemplare per chi minaccia, aggredisce e interrompe un servizio pubblico essenziale come quello sanitario. Abbiamo visto bene a chiedere ripetutamente la presenza di un drappello fisso delle forze dell’ordine in questo e in altri ospedali per arginare la deriva di violenza, come accaduto in questo caso. Nemmeno la presenza di un agente di Polizia ha fermato questi violenti. È tempo che ci pensi lo Stato con condanne severe”. Questo il commento del deputato di Alleanza Verdi Sinistra Francesco Emilio Borrelli.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments