NAPOLI – “Tempo addietro – ricorda Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della circoscrizione Vomero -, nell’ambito della municipalità collinare, che comprende i quartieri del Vomero e dell’Arenella, erano state adottate con grande enfasi, alla presenza di rappresentanti dell’amministrazione comunale, alcune aiuole pubbliche, affidate a privati in base a un’apposita convenzione varata dal Comune di Napoli. Nel tempo, in particolare, furono oggetto di adozione anche le aiuole poste in diverse piazze tra le più importanti della zona, segnatamente quelle di piazza Vanvitelli e di piazza Medaglie d’Oro “.

“Ma – afferma Capodanno – evidentemente quell’affidamento delle aree comunali a verde, non ha funzionato a dovere dal momento che per molte di quelle aiuole l’affidamento non è stato successivamente neppure rinnovato. Di fatto diverse aiuole, prive della necessaria manutenzione ordinaria,  sono poi  diventate ricettacoli di rifiuti, dove si può trovare di tutto, principalmente cartacce, lattine e bottiglie vuote oppure utilizzate per depositare oggetti di vario tipo, come riscontrato, in questi giorni, in un’aiuola posta in piazza Vanvitelli. Il tutto favorito dalla palese assenza dei necessari controlli “.

“Eppure – puntualizza Capodanno – per le aiuole ancora in affidamento, nella convenzione è stabilito che la manutenzione dell’area affidata deve essere effettuata a totale cura e spese della parte affidataria e che le aree a verde devono essere conservate nelle migliori condizioni di manutenzione e con la massima diligenza, cosa che evidentemente allo stato non sempre si verifica “.

“Di certo se questa iniziativa non ha raggiunto gli obiettivi prefissati, come oramai è sotto gli occhi di tutti  – sottolinea Capodanno –,  questo significa che qualcosa non ha funzionato e che sarebbe stato meglio assicurarsi per tempo che coloro che avevano chiesto l’affidamento fossero nella materiale possibilità di ottemperare alle condizioni elencate nella convenzione succitata, nella quale, peraltro, viene indicato anche il provvedimento di revoca dell’autorizzazione nel caso che l’affidatario non ottemperi al progetto di sistemazione dell’area a verde “.

Capodanno, nell’occasione, invita, ancora una volta, gli uffici comunali competenti, con particolare riguardo a quelli che fanno capo all’assessore al verde, Santagada, a mettere in campo, in tempi rapidi,  tutte le attività  finalizzate a  manutenere il poco verde pubblico a disposizione dei circa 120mila residenti della municipalità collinare, con particolare riguardo sia alle aiuole affidate sia a quelle per le quali l’affidamento non è stato mai effettuato o comunque non è stato rinnovato alla scadenza oppure è stato revocato.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments