NAPOLI – Dopo uno stop durato due anni a causa della pandemia, si è rinnovato il rito del pranzo per i più bisognosi organizzato dall’Ente presieduto da Ciro Fiola con la Comunità di Sant’Egidio. 100 persone che fanno parte della comunità dei senza fissa dimora di Napoli hanno potuto accomodarsi ai tavoli imbanditi per l’occasione. Nello storico Salone delle Grida, gli ospiti sono stati serviti oltre che dal Presidente Fiola, anche dal vicepresidente Fabrizio Luongo e da numerosi componenti della Giunta camerale. Per la Comunità di Sant’Egidio era presente Mimmo Annunziata, responsabile dell’assistenza ai senza fissa dimora.

Il Menù proposto è stato caratterizzato da prodotti rigorosamente napoletani: antipasto prosciutto e mozzarella; pasta al forno napoletana; polpette al sugo con contorno di patate sabbiose al forno: babà con crema e frutti di bosco; acqua e caffè espresso.

Un evento che ripropone il tema del rapporto tra mondo delle imprese e nuove povertà. In un’ottica di attenzione e confronto che non può non prevedere iniziative a sostegno dei più sfortunati. Proprio per questo motivo il Presidente Fiola ha annunciato nuove iniziative di questo tipo. Volendo aprire il Palazzo della Borsa alla città e ai più sfortunati.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments