NAPOLI – Pianura non si piega alla camorra: è lo slogan che questa mattina ha accompagnato la riapertura del cantiere della scuola Troisi, oggetto di un raid intimidatorio con finalità estorsive avvenuto lo scorso 11 aprile, quando ignoti esplosero diversi colpi di pistola verso la struttura. La giornata è stata caratterizzata dalla sottoscrizione del Patto antiestorsione tra l’impresa edile che sta realizzando i lavori e l’associazione antiracket Sos Impresa, fondata proprio a Pianura nel 2002 e rappresentata dal presidente Luigi Cuomo.

L’obiettivo è non solo quello di garantire la sicurezza del cantiere e di tutti coloro che vi lavorano, ma soprattutto quello di creare un clima di legalità e sicurezza che permetta ai cittadini del rione di vivere senza la paura della criminalità organizzata.

“La risposta – ha detto Cuomo – è quella di una grande solidarietà popolare. Cittadini, insegnanti, alunni e genitori si sono stretti intorno alla ditta per impedire che le mani della camorra arrivino su questi lavori. Sono operazioni destinati a ricostruire una scuola, cioè un tempio della cultura e della formazione. Da qui deve uscire una società migliore per il futuro. Importante la firma del protocollo antiracket”

Presente anche il presidente della IX municipalità Andrea Saggiomo.

LEGGI ANCHE
https://videoinformazioni.com/

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments