NAPOLI – “Un cittadino ci ha segnalato l’assurdo delle strisce pedonali in curva, con gli scivoli per disabili assolutamente non corrispondenti, all’incrocio tra corso Garibaldi e l’omonima piazza, lato corso Umberto.

Dai controlli che abbiamo effettuato, sono state ricalcate le strisce pedonali preesistenti, già concepite male, in quanto realizzate in curva. In pratica il pedone che attraversa la strada non giunge nel tratto diritto del marciapiedi ma nel tratto curvo, con ovvi rischi per la sicurezza.

Ma non è questo il fatto più assurdo. Le strisce pedonali non sono corrispondenti agli scivoli per i disabili.

Anzi, in realtà, gli scivoli non sono neanche corrispondenti tra loro. Uno è stato realizzato correttamente lungo il tratto diritto di corso Garibaldi, dove però mancano le strisce pedonali. L’altro, di fronte, è stato realizzato sul marciapiedi di piazza Garibaldi, lato piazza ipogea, e conduce dritto sulla sede stradale, con il rischio di essere investiti”.

La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli.

“Ci chiediamo come sia possibile effettuare un lavoro del genere? Quanta sciatteria occorre per non realizzare gli scivoli per disabili corrispondenti tra loro e collegati dalle strisce pedonali.

Siamo effettivamente basiti. Abbiamo segnalato la situazione al Comune di Napoli. Occorre risolvere la problematica quanto prima nell’interesse primario dei disabili che sono penalizzati da questo cervellotico e disastroso posizionamento degli scivoli e delle strisce”.

Di seguito il link al video:

Marciapiedi piazza Garibaldi

Assurdo all’incrocio di piazza Garibaldi. Strisce pedonali in curva, con scivoli per disabili non corrispondenti. Borrelli e Simioli: “Ma come si fa a fare un lavoro del genere? Lo scivolo conduce in strada, con il rischio di essere investiti. Abbiamo segnalato la situazione al Comune di Napoli”“Un cittadino ci ha segnalato l’assurdo delle strisce pedonali in curva, con gli scivoli per disabili assolutamente non corrispondenti, all’incrocio tra corso Garibaldi e l’omonima piazza, lato corso Umberto. Dai controlli che abbiamo effettuato, sono state ricalcate le strisce pedonali preesistenti, già concepite male, in quanto realizzate in curva. In pratica il pedone che attraversa la strada non giunge nel tratto diritto del marciapiedi ma nel tratto curvo, con ovvi rischi per la sicurezza. Ma non è questo il fatto più assurdo. Le strisce pedonali non sono corrispondenti agli scivoli per i disabili. Anzi, in realtà, gli scivoli non sono neanche corrispondenti tra loro. Uno è stato realizzato correttamente lungo il tratto diritto di corso Garibaldi, dove però mancano le strisce pedonali. L’altro, di fronte, è stato realizzato sul marciapiedi di piazza Garibaldi, lato piazza ipogea, e conduce dritto sulla sede stradale, con il rischio di essere investiti”. La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Ci chiediamo come sia possibile effettuare un lavoro del genere? Quanta sciatteria occorre per non realizzare gli scivoli per disabili corrispondenti tra loro e collegati dalle strisce pedonali. Siamo effettivamente basiti. Abbiamo segnalato la situazione al Comune di Napoli. Occorre risolvere la problematica quanto prima nell’interesse primario dei disabili che sono penalizzati da questo cervellotico e disastroso posizionamento degli scivoli e delle strisce”.

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Mercoledì 13 novembre 2019

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments