polizia-municipale1

NAPOLI – La Polizia Locale di Napoli della U.O. Tutela Ambientale, impegnata sul territorio cittadino per il contrasto alla gestione illecita dei rifiuti, è stata impegnata in queste ore sul territorio di Fuorigrotta unitamente alle forze militari dell’esercito. L’intervento è scaturito dalle segnalazioni dei cittadini su numerosi abbandoni di rifiuti speciali, scarti di componenti meccaniche e autovetture, nelle aree circostanti viale Giochi del Mediterraneo, Viale Kennedy e Via Diocleziano.

E’ stata sottoposta a controllo una grossa attività di carrozzeria presente nella zona interessata dagli abbandoni di rifiuti, un’azienda di circa 150 m² priva di qualsivoglia autorizzazione e dunque abusiva, nella quale lavoravano tre persone senza alcuna abilitazione né amministrativa né professionale e senza alcuna certificazione delle norme ambientali di gestione dei rifiuti ed immissione in atmosfera. Due dei tre soggetti sono già noti al Reparto Ambientale per precedenti reati specifici.

All’ingresso dell’attività commerciale erano pronti numerosi sacchi neri contenenti scarti di parti meccaniche di carrozzeria di veicoli pronti per essere abbandonati sul territorio, mentre nell’azienda non era presente alcun registro di gestione dei rifiuti e alcuna certificazione dei precedenti smaltimenti. La polizia giudiziaria ha, pertanto, sottoposto a sequestro l’intera attività abusiva apponendo i sigilli ai locali e alle attrezzature e denunciando i tre responsabili della gestione dell’attività illecita all’Autorità Giudiziaria per il reato di gestione illecita dei rifiuti e sanzionandoli ai sensi della normativa amministrativa per le attività artigianali con la multa di 10.000 € prevista dalla legge regionale vigente.

La Polizia Locale di Napoli della U.O. Tutela Ambientale, durante l’attività congiunta sul territorio nel quartiere Poggioreale per il contrasto all’abbandono e all’incendio di rifiuti speciali nella terra dei fuochi, in azione congiuntamente alla Polizia di Stato del commissariato Poggioreale e ai militari dell’esercito, è internuta presso un’azienda di gestione rifiuti speciali. Dalla verifica è emerso che il titolare della ditta già oggetto di precedenti accertamenti per illeciti in materia ambientale, aveva realizzato un impianto di trattamento di rifiuti e il deposito di circa 50 m³ di rifiuti in imballaggi in plastica e cartone. Sono state identificate due persone e il titolare dell’azienda di gestione rifiuti e autoespurgo è stato denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di gestione illecita di rifiuti ai sensi dell’articolo 256 del testo unico dell’ambiente.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments