polizia-municipale-3

NAPOLI – Nell’ambito dei servizi di controllo sul territorio cittadino e di prevenzione dei reati predatori, Personale della U.O. Investigativa Centrale della Polizia Municipale aveva modo di notare l’atteggiamento sospetto di due ragazzi, poi rivelatisi quindicenni originari dei quartieri Fuorigrotta ed Arenaccia, che circolavano a bordo di uno scooter nella zona di Porta Nolana, tentando di vendere ai passanti uno smartphone di ultima generazione. Fermati per un controllo da personale in servizio in borghese, i due ragazzi non riuscivano a giustificare in maniera plausibile le circostanze del fatto o la proprietà del cellulare.

Da ulteriori accertamenti sulla SIM telefonica, si risaliva al nominativo dell’intestatario, un cittadino napoletano che, rintracciato, si presentava negli Uffici dell’Unità Investigativa per sporgere regolare denuncia per la rapina subita soltanto due ore prima.

I minori, entrambi già noti al personale del Reparto e già gravati da precedenti specifici, su disposizione della Procura dei Minori venivano riaffidati ai genitori in attesa di giudizio.

Il telefono cellulare veniva riconsegnato al legittimo proprietario mentre lo scooter veniva sottoposto a sequestro.

L’azione di controllo da parte del Personale della Polizia Locale di Napoli continua quotidianamente per il controllo del territorio e la prevenzione dei reati predatori a tutela della cittadinanza.

Nell’incessante azione di controllo del territorio la Polizia Municipale di Napoli, con personale della U.O. Stella, interveniva al Rione Amicizia dove veniva accertata la realizzazione di due manufatti in muratura completamente abusivi, realizzati invadendo direttamente suolo di proprietà comunale, per un volume totale di circa 80 metri cubi. Dei fatti penalmente rilevanti veniva data notizia alla Procura della Repubblica con denuncia del committente delle opere.

Al Borgo dei Vergini gli Agenti della Polizia Municipale impiegati per controlli in contrasto all’abusivismo commerciale provvedevano a sanzionare diverse attività commerciali per occupazione abusiva di suolo pubblico e in un caso per autorizzazione commerciale non conforme.

Durante le operazioni di controllo gli agenti notavano tra i banchi esterni di vendita una scatola di legno che risultava contenere confezioni di sigarette estere di contrabbando, i Tabacchi Lavorati Esteri venivano sottoposti a sequestro penale e veniva trasmessa informativa di reato all’Autorità Giudiziaria.

La Polizia Locale di Napoli ha sottoposto a verifica un’officina di riparazioni auto rivelatasi poi priva di qualsiasi autorizzazione in Zona arenaccia.
Il titolare dell’ officina meccanica non aveva nessun contratto di smaltimenti dei rifiuti speciali e raccoglieva gli oli esausti in secchi di plastica, senza alcuna precauzione con rischio di disperderlo nell’ ambiente. Il giovane meccanico era già noto agli uomini della Municipale, infatti, era stato sanzionato precedentemente per diverse irregolarità amministrative, ma nonostante le sanzioni ed un precedente sequestro amministrativo delle attrezzature, aveva comunque proseguito nell’illecita attività senza sanare nessun irregolarità. Inoltre, era sprovvisto anche del passo carrabile necessario a far accedere i veicoli nel locale. Al momento del controllo aveva tre auto in riparazione che, a seguito della chiusura coatta dell’ esercizio, sono state restituire ai legittimi proprietari.
Per lui è scattata la denuncia per violazione dei sigilli, gestione illecita di rifiuti e violazione delle norme di sicurezza dei luoghi di lavoro.

Gli Agenti hanno pattugliato la zona di via Alessandro Poerio dove sono scattate numerose sanzioni a carico dei titolari di pubblici esercizi, per il titolare di una pizzetteria presente in Piazza Capuana è stata elevata la sanzione per la violazione dell’art.20 CdS per occupazione abusiva di suolo pubblico in quanto aveva posizionato sul marciapiede tavoli, sedie ed ombrelloni. A carico del titolare è stata emessa anche la sanzione per la violazione del mancato rispetto della raccolta differenziata e veniva prodotta segnalazione all’ufficio antiabusivismo del Comune di Napoli perché aveva installato tende retrattili sulla facciata del fabbricato senza alcuna autorizzazione. Per un bar in via Poerio scattava la sanzione per occupazione abusiva di suolo pubblico e per la tabella pubblicitaria senza autorizzazione. Anche altre due pizzerie venivano verbalizzate per occupazione abusiva di suolo pubblico, per il mancato rispetto della raccolta differenziata e veniva prodotta segnalazione all’ufficio antiabusivismo edile perché avevano installato tende senza autorizzazione. Ad un altro bar, sempre in via Poerio, veniva elevata la sanzione perché sebbene possessore di concessione di occupazione di suolo pubblico eccedeva nell’occupazione ed inoltre occupava in maniera difforme rispetto a quanto concesso. Anche per questo titolare veniva prodotta segnalazione all’ufficio antiabusivismo del Comune per l’installazione degli ombrelloni a muro senza autorizzazione ed inoltre veniva sanzionato perché all’interno dei locali aveva in funzione le macchinette videolottery durante le ore di divieto sancite dal regolamento comunale. Per tutti i trasgressori seguiranno le segnalazioni agli uffici competenti per i successivi adempimenti.

Continua il controllo del territorio anche per le sale scommesse e sale giochi al fine di verificare il rispetto degli orari di chiusura secondo la normativa vigente. Infatti per tale violazione scattava la sanzione per due sale scommesse una in Piazza Nazionale e l’altra in via Arenaccia. Per alcuni titolari di pubblici esercizi sono state notificate Ordinanze Dirigenziali di sospensione dell’attività per giorni uno e due in quanto a seguito di diffida sono stati ulteriormente verbalizzati per occupazione abusiva di suolo pubblico, nello specifico in Piazza Immacolata, via Bernini, via Morghen e via Merliani.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments