NAPOLI – “Continuano a pervenirci decine di segnalazioni circa la presenza di cumuli di rifiuti lungo le strade di Napoli.

Un problema che attraversa trasversalmente l’intera città, dal centro storico alle periferie, passando per quartieri come l’Arenaccia che vivono una situazione particolarmente critica.

La presenza dell’immondizia incide negativamente anche sulla circolazione dei pedoni e dei disabili che vedono i marciapiedi ristretti a causa della presenza dei rifiuti e si trovano costretti a procedere lungo la sede stradale con il rischio di essere investiti da un mezzo di passaggio.

Diverse persone che hanno incrociato i mezzi della nettezza urbana hanno chiesto la ragione per cui gli operatori si limitano a raccogliere esclusivamente la spazzatura presente nei contenitori, gli è stato risposto che i cumuli in strada non sono di loro competenza.

Se le cose stanno così l’Asia invii delle squadre a bonificare anche i marciapiedi perché, allo stato attuale, siamo di fronte ad una vera e propria bomba ecologica”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Al di là dei cumuli c’è da fare i conti con chi cavalca la crisi per dare sfogo alla propria inciviltà, sversando altri tipi di rifiuti in prossimità dei cumuli di immondizia. Un modo di fare vergognoso che aggrava ulteriormente la situazione.

A tal proposito ribadiamo la necessità di intensificare la videosorveglianza delle strade, attraverso l’installazione di nuovi dispositivi”.

Su sollecitazione del Presidente De Luca si è svolto stamattina un sopralluogo a Scampia, in località Cupa Perillo, per definire le modalità di azione per rimuovere alcune gravi criticità ambientali, causate dall’abbandono di rifiuti su aree pubbliche.

Al fine di garantire una riqualificazione ambientale dell’area, agevolando anche l’apertura al traffico delle rampe d’innesto sull’asse mediano, la Regione ha deciso d’intervenire con oneri e mezzi propri, in sostituzione di Comune e Città metropolitana, per la rimozione dei rifiuti abbandonati e della vegetazione spontanea che ostruisce le sedi carrabili delle rampe.

Nei prossimi giorni sarà istituito un apposito tavolo tecnico fra Regione, Città metropolitana (ente proprietario delle sedi viarie) e Comune di Napoli (ente competente per la problematica dei campi rom, comprendenti anche alcune baracche che interferiscono con l’apertura delle rampe al traffico veicolare) per definire ogni ulteriore azione occorrente per completare la bonifica dei luoghi e garantire l’apertura al traffico veicolare delle rampe d’accesso all’asse mediano.

Al sopralluogo odierno hanno partecipato, unitamente al Vicepresidente della Regione Fulvio Bonavitacola, i rappresentanti della Protezione Civile regionale, della ottava Municipalità, di Sma Campania.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments