NAPOLI – Ieri sera gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti presso un’abitazione di via Antonio Villari per una lite familiare.

I poliziotti, giunti sul posto, sono stati avvicinati da un uomo e da una donna che hanno raccontato di essere stati aggrediti con calci e pugni dal figlio che, come già avvenuto in precedenti occasioni, aveva chiesto dei soldi e, di fronte al loro rifiuto, li aveva minacciati ed aggrediti.

M.B., 32enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia, estorsione e lesioni personali.

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vicaria-Mercato, durante il servizio di controllo del territorio, su segnalazione della Centrale Operativa sono intervenuti in un appartamento in via Peppino de Filippo per una lite familiare.

I poliziotti, giunti sul posto, hanno trovato un uomo che colpiva con calci e pugni la porta d’ingresso di un’abitazione e stava minacciando di morte la sorella che si era barricata all’interno.

Gli agenti, con non poche difficoltà, lo hanno bloccato e, una volta all’interno, hanno appreso dalla donna che il fratello, come già avvenuto in precedenti occasioni, le aveva chiesto dei soldi e, di fronte al suo rifiuto, l’aveva minacciata ed aggredita.

G.D.P., 52enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato resistenza a Pubblico Ufficiale e maltrattamenti in famiglia.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments