SOMMA VESUVIANA – “E’ giunta la notizia di 5 bambini positivi nella platea scolastica della scuola d’Infanzia del Terzo circolo didattico. Alla luce di questa notizia ed anche del dialogo avuto, questa mattina con l’Asl, prorogo fino al 27 Febbraio anche la chiusura delle scuole di Infanzia, su indicazione dell’Asl stessa”. Lo ha annunciato ora Salvatore Di Sarno, sindaco del Comune di Somma Vesuviana, nel napoletano.

“Da dati della Regione Campania l’incidenza dei nuovi positivi è scesa di quasi tre punti di percentuale passando dal 10,82% all’ 8,05% ma ora è sotto osservazione l’analisi dei dati epidemiologici per setting di interesse pandemico. Da questa analisi è emerso che la percentuale dei setting analizzati è superiore alle percentuali comunali – ha proseguito Di Sarno – e che la gravità dell’estensione del fenomeno nell’ambito del setting è da considerarsi in FASCIA ROSSA. Dunque questo significa che attualmente a livello cittadino abbiamo un dato sotto il livello regionale ma da tenere in una situazione di controllo.

Alla luce di questa novità di non poco conto, ordino, a decorrere dal 22/02/2021 e fino al 27/02/2021 salvo proroghe e ss.mm.ii., legate all’andamento epidemiologico: la sospensione delle attività didattiche in presenza per tutte le scuole di ogni ordine e grado (sia pubbliche che private) presenti sul territorio comunale; per lo stesso periodo è attivata la didattica a distanza, nei modi e nei termini disciplinati dalla normativa vigente; fatta eccezione per lo svolgimento delle attività destinate agli alunni affetti da disturbi dello spettro autistico e\o diversamente abili, il cui svolgimento in presenza è consentito previa valutazione, da parte dell’ Istituto scolastico, delle specifiche condizioni di contesto”.

L’appello del sindaco rivolto alla città!

“Le prospettive potrebbero non essere molto positive. Dunque faccio appello al senso di responsabilità di tutti i cittadini – ha concluso Di Sarno affinché assumano spontaneamente comportamenti improntati alla massima prudenza evitando occasioni di contatti interpersonali non strettamente necessari, significando che la diffusione dell’ epidemia non è altrimenti gestibile e controllabile. Intensificheremo i controlli presso le attività ed i luoghi di assembramento”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments