ospedale-san-paolo

NAPOLI – Nella serata del 26 luglio è avvenuto un tentato omicidio all’ospedale San Paolo di Fuorigrotta. Come racconta la Pagina Facebook dell’ass. “Nessuno tocchi Ippocrate”, verso le 23 una signora entra al triage lamentando un malore, l’infermiera le spiega che ci sono dei tempi di attesa. A queste parole la donna estrae da sotto la maglietta una grossa sega da falegname, l’infermiera viene salvata in extremis da un collega che se la tira a sé. Immediatamente le guardie giurate immobilizzano e disarmano la signora mettendola a terra. Dopo poco arriva la polizia che classifica la donna come psichiatrica e la affida alla famiglia.

“Siamo sgomenti per quello che avvenuto al pronto soccorso del San Paolo e per le continue violenze ed aggressioni agli operatori sanitari. Esprimiamo la nostra solidarietà all’infermiera aggredita e a tutti gli operatori medici che ogni giorno, pur dovendo combattere contro la violenza, la delinquenza e l‘inciviltà, portano avanti il loro lavoro con tenacia e professionalità. Per questo, crediamo sia un atto dovuto proteggere questa categoria di lavoratori con misure concrete prevedendo presidi fissi di polizia nei pronto soccorso, prima che accada l’irreparabile.”- le parole del Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments