polizia

NAPOLI – Ieri sera gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato San Ferdinando hanno arrestato un 39enne napoletano, per i reati resistenza, oltraggio e minacce a pp.uu. ed incendio doloso, e denunciato in stato di libertà la compagna, 39enne napoletana per resistenza ed oltraggio a pp.uu. e danneggiamento dei beni dell’amministrazione della Polizia di Stato.

Gli agenti, durante un servizio di controllo del territorio volto alla prevenzione dei reati, su nota della locale Centrale operativa sono intervenuti nel tardo pomeriggio in vico Egiziaca a Pizzofalcone per segnalazione di persona che minacciava di dare fuoco allo stabile.

Giunti sul posto i poliziotti hanno constatato la presenza di materiale incenerito nell’atrio del palazzo ed un acre odore di fumo; l’uomo, barricato all’interno della propria abitazione si è rifiutato di aprire la porta appiccando fuoco anche all’interno dell’appartamento. Gli agenti hanno prontamente contattato i vigili del Fuoco ed il 118 per ausilio, mentre sul posto è confluita anche un’altra pattuglia del Commissariato. Dopo una lunga opera di mediazione, i poliziotti sono riusciti a guadagnare l’accesso dell’appartamento, dove sono stati aggrediti dall’uomo, armato di un coccio di vetro appuntito che ha cercato anche di autolesionarsi, e dalla donna che si era nascosta all’interno di un armadio brandendo una bottiglia di vetro a mo’ di arma.

I due sono stati bloccati ponendo ferrea resistenza, danneggiando l’autovettura di servizio durante in trasporto, ed alcuni arredi una volti giunti in Ufficio.

La donna è stata denunciata per resistenza ed oltraggio a pp.uu. e danneggiamento dei beni dell’amministrazione della Polizia di Stato.

L’uomo è stato arrestato e, dopo le formalità di rito, è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Napoli Poggioreale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Questa notte gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, sezione volanti, hanno arrestato Gianluigi Bellone, 42enne, napoletano, con precedenti di polizia, per il reato di evasione dalla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Il 42enne, al momento del controllo era a bordo di una vettura in compagnia di un’altra persona.

Insospettiti gli agenti, hanno bloccato l’auto, in viale Colli Aminei e da ulteriori controlli è emerso che il Bellone si era allontanato dalla propria abitazione dove era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.

Il bellone è stato arrestato e questa mattina sarà processato con il rito per direttissima.

Questa notte gli agenti dell’ufficio Prevenzione Generale, sezione volanti, hanno arrestato un 32enne, già noto alle forze dell’ordine, per il reato di maltrattamenti in famiglia, lesioni e tentata estorsione.

I poliziotti sono intervenuti nella zona del Rione Alto,per la segnalazione di una donna vittima di violenza.

Gli agenti, prontamente intervenuti, hanno sentito dapprima delle urla e successivamente una donna, con evidenti segni di percosse, chiedere aiuto nel mentre stava cercando di fuggire da un uomo che, pur trattenuto da una persona anziana , poi identificata per il padre della donna, stava cercando di aggredire la malcapitata, tutto questo dinanzi ad un bambino.

Il 32enne è stato bloccato dagli agenti e da una ricostruzione effettuata è emerso che, già altre volte l’uomo aveva aggredito la propria moglie, facendo anche delle richieste di denaro.

Inoltre alcune liti, in passato, sono avvenute anche dinanzi alla presenza del figlio.

La donna è stata medicata presso un ospedale cittadino.

Il 32enne è stato arrestato e condotto presso la Casa Circondariale di Poggioreale.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments