GIUGLIANO – Una vera vergogna, un gesto inqualificabile specie se compiuto con inaudita violenza e in disprezzo delle direttive anti contagio.

Una rissa tra giovanissimi è scoppiata ieri pomeriggio in uno dei lidi più “In” e frequentati di Giugliano in Campania.

Un gruppetto di delinquenti, non c’è altro appellativo con cui identificarli, ha creato il panico nel bel mezzo di un aperitivo pomeridiano.

Una frase di troppo e dalle parole si è passati subito ai fatti con bottiglie spaccate in testa e contendenti atterrati a colpi di sedie e tavoli.

Panico tra i presenti come si può vedere dalle immagini.

Il locale, ieri pomeriggio era stracolmo, un vero e proprio mega assembramento, come si può notare delle immagini dei cellulari che hanno ripreso la rissa. In molti erano senza mascherina e non c’erano le adeguate distanze di sicurezza previste dalla legge.

Rissa con bottigliate e tavolinate in un lido di Giugliano, attimi di terrore durante il party. Borrelli e Simioli: “Si è superato il limite. La autorità devono intervenire.”

Rissa con bottigliate e tavolinate in un lido di Giugliano, attimi di terrore durante il party. Borrelli e Simioli: “Si è superato il limite. La autorità devono intervenire.”Momenti di paura e tensione quelli di domenica 24 maggio in uno stabilimento balneare di Giugliano in Campania, dove da quando la Campania è entrata in zona gialla si continuano a dar vita a party senza autorizzazione con mega assembramenti e senza mascherine. Questa volta però oltre agli assembramenti, alle danze e ai brindisi, nella totale violazione delle misure anti covid, c’è stata una mega rissa che ha coinvolto decine di persone che si sono colpite con bottiglie e tavoli.“Da mesi denunciamo l’assurdità di questi eventi in spiaggia, di queste feste, di queste assembramenti che mettono in pericolo la salute dei partecipanti stessi e di tutta la cittadinanza. La zona gialla non è un rompete le righe, significa che l’emergenza sanitaria è ancora in corso e che quindi bisogna attenersi a determinate regole che invece in molti continuano ad infrangere. Questa volta però si è passato il segno, l’episodio di domenica è qualcosa di indegno e degradante e rappresenta come per molti il divertimento sia sinonimo di violazione delle regole, di mancanza di rispetto per il prossimo, di follia e stupidità, nonché di violenza. Ci rivolgiamo alle autorità e alle forze dell’ ordine affinché si metta fine a tutto questo, il territorio deve ripartire ma deve farlo nel pieno rispetto delle regole e senza che venga messa in pericolo l’incolumità delle persone, nonché il senso di dignità. Ci auguriamo che i protagonisti della rissa vengano identificati, denunciati e puniti severamente.”- hanno commento il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli ed il conduttore radiofonico Gianni Simioli.Una Nuova Napoli

Posted by Francesco Emilio Borrelli on Monday, May 24, 2021

“Da mesi denunciamo l’assurdità di questi eventi in spiaggia, di queste feste, di queste assembramenti che mettono in pericolo la salute dei partecipanti stessi e di tutta la cittadinanza.

La zona gialla non è un rompete le righe, significa che l’emergenza sanitaria è ancora in corso e che quindi bisogna attenersi a determinate regole che invece in molti continuano ad infrangere.

Questa volta però si è passato il segno, l’episodio di domenica è qualcosa di indegno e degradante e rappresenta come per molti il divertimento sia sinonimo di violazione delle regole, di mancanza di rispetto per il prossimo, di follia e stupidità, nonché di violenza.

Ci rivolgiamo alle autorità e alle forze dell’ ordine affinché si metta fine a tutto questo, il territorio deve ripartire ma deve farlo nel pieno rispetto delle regole e senza che venga messa in pericolo l’incolumità delle persone, nonché il senso di dignità.

Ci auguriamo che i protagonisti della rissa vengano identificati, denunciati e puniti severamente.”- hanno commento il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli ed il conduttore radiofonico Gianni Simioli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments