E’ morto, a Ravenna, l’attore e regista Ivano Marescotti.

Aveva 77 anni.

Era da qualche giorno ricoverato all’ospedale civile di Ravenna a causa del peggioramento delle sue condizioni fisiche legate a una grave malattia. Lascia la moglie Erika, che aveva sposato un anno fa, e la figlia Iliade nata nel suo matrimonio precedente.

Lo scorso anno a febbraio, aveva annunciato la decisione di ritirarsi dalle scene per dedicarsi esclusivamente al “Teatro Accademia Marescotti” a Ravenna. Tra le sue interpretazioni indimenticabili il dottor Randazzo in Johnny Stecchino di Benigni.

Una vita per il cinema e il teatro, dall’impegno civile alla commedia, senza dimenticare l’attività per tramandare il mestiere ai giovani attori e la passione per il dialetto romagnolo, che aveva contribuito alla riscoperta e del quale era un interprete apprezzato. Il mondo dello spettacolo italiano piange Ivano Marescotti, attore e regista. È morto a Ravenna, nella cui provincia, a Villanova di Bagnacavallo, era nato 77 anni fa. Marescotti era da qualche giorno ricoverato all’ospedale della città per l’aggravarsi di una malattia.

Sterminata e poliedrica la lista di produzioni e registi con i quali ha lavorato in quarant’anni di carriera, da quando, cioè, decise di far diventare una professione la sua passione, lasciando l’impiego al Comune di Ravenna. Ha lavorato in teatro con Leo de Berardinis, Mario Martone, Carlo Cecchi, Giampiero Solari, Giorgio Albertazzi, Marco Marinelli, ma ha partecipato anche a oltre cinquanta film, lavorando con registi del calibro di Anthony Minghella, Ridley Scott, Marco Risi e Pupi Avati. Senza disdegnare ruoli in pellicole comiche: indimenticabile la sua interpretazione del dottor Randazzo, inflessibile ispettore di Johnny Stecchino di Roberto Benigni, più recente la sua collaborazione con Checco Zalone. Moltissime anche le fiction alle quali ha partecipato. (ANSA)

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments