ERCOLANO – Domenica 20 giugno l’appuntamento è con “Ma dove vivono i cartoni?” tra storia, fantasia e un pizzico di follia

Tutti siamo un po’ come Alice, grandi e piccini. A volte vorremmo fuggire per un po’ dallo stress della quotidianità e ritrovarci per caso in un mondo immaginario fatto di avventure, scoperte e creature fantastiche. Un paese delle meraviglie, insomma! Se poi questo paese è una dimora storica del ‘700 in cui re, regine, cavalieri e giullari di corte hanno lasciato il segno, allora l’avventura è straordinaria.
Domenica 20 giugno dalle 10.30 alle 18 la compagnia “Ma dove vivono i cartoni’” ci porta nell’inestimabile parco di Villa Campolieto con l’inedita avventura de “Il giardino di Alice”.

Uno spettacolo itinerante di animazione e interazione con il pubblico dove tutto è possibile e tutto può accadere. Proprio come nella storia nonsense di Lewis Carrol.
I personaggi più amati della favola rivivono in una versione riadattata esplosiva e divertente: il tutto in uno scenario d’eccezione, i meravigliosi giardini di Villa Campolieto ad Ercolano, uno dei siti più suggestivi del Miglio D’Oro fatto edificare per volontà del principe Luzio De Sangro e realizzata dagli architetti Mario Goffredo e Luigi Vanvitelli. In questi luoghi fantastici si snoda la storia che vedrà i partecipanti diventare protagonisti attivi di tutta l’avventura.

Un irriverente Cappellaio Matto mette in scena il meglio del teatro di improvvisazione con il pubblico, accompagnato da un travolgente Bianconiglio che tra peripezie e furiose corse cerca la sua Alice. Intanto, l’arcigna regina di cuori osserva e minaccia, armata di ascia, di tagliare la testa a chi non segue le sue regole mentre un pazzo pazzo gatto, anzi STREGATTO perde la testa. Riuscirà Alice a districarsi tra le corbellerie degli strampalati personaggi?
«Accogliamo con piacere – dice il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto- questa iniziativa brillante in uno dei siti più importanti del Miglio D’Oro, in linea con la missione dell’associazione che intende far coesistere la Cultura con la Storia. Ad Ercolano stiamo facendo un gran lavoro affinché proprio la Cultura possa diventare il motore di riscatto e cambiamento, soprattutto tra le nuove generazioni. Inoltre, un evento che tenga insieme le famiglie in un posto straordinario come Villa Campolieto è una scelta da me fortemente appoggiata».

«Esordiamo a Villa Campolieto- dicono gli organizzatori Aurora Manuele e Francesco Chiaiese- con una storia inedita ispirata alla tanto amata favola di Lewis Carrol. Prosegue, così, il nostro progetto sociale che tende ad offrire alle famiglie storie fantastiche inscenate in luoghi straordinari di grande valore storico-artistico. Storia, cultura e spettacolo si uniscono sia per regalare delle ore di evasione e coinvolgimento a grandi e piccini sia per consentire loro di visitare luoghi interessanti. E’ come un ponte sospeso tra il regno delle fiabe e la realtà, attraverso lo sguardo incantato dei bambini e il coinvolgimento degli adulti che trovano un modo per stare tutti insieme. Un consiglio: prenotate la visita di questo spettacolo solo se siete pronti a tutto!!!!! … e se tutto accadesse nel giorno del vostro NON COMPLEANNO???».

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments