PIETRASTORNINA – Musica e cultura: un binomio inossidabile. Piantedosi e Bartoletti incantano una platea gremita e variegata . In una veste insolita, il Prefetto Matteo Piantedosi, ha intervistato il giornalista Marino Bartoletti sulla storia del Festival di Sanremo. Una conversazione piacevole, intervallata da momenti musicali che hanno rievocato i successi della kermesse canora, coinvolgendo il pubblico presente. L’Almanacco del Festival di Sanremo di Marino Bartoletti e Lucio Mazzi ha conquistato il pubblico di Pietrastornina e non solo. Una conversazione sui 70 anni del Festival da Luigi Tenco, a Nicola di Bari ,da Gianni Morandi agli esordi di Vasco Rossi, alla vittoria di Mahmod tanti i brani interpreti da Gerardo Carluccio accompagnato dal pubblico presente
“Il Festival non è mai stato solo canzonette: su quel palco si sono affrontati temi molto seri –ha affermato Bartoletti. “ Sanremo è stato ed è allegria e malinconia, euforia ed amarezza, speranza e declino, gioia e tragedia, conversazione e progresso, giustizia ed errori, concretezza e fantasia”. Sanremo per me è come Disneyland. Mi aspetto , un Sanremo divertente. Ma ogni Festival si giudica alla fine, mai prima anche se quest’anno le premesse sembrano buone.
“ Bartoletti conosce tutti i dettagli di Sanremo che io lo guarderò in tv”- afferma Il capo di Gabinetto del Viminale ,Matteo Piantedosi, presidente del circolo socio culturale Petra Strumilia che ha organizzato l’evento. IL primo di una lunga serie.

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami