NAPOLI – In questi giorno sembrano tornate all’attenzione le “Scale di Napoli”, Quegli affascinanti percorsi di attraversamento della città che il Coordinamento Scale di Napoli non ha mai smesso di promuovere e valorizzare e che ora più che mai possono svolgere uno ruolo strategico di connessione veloce e ad impatto zero fra la parte alta e la parte bassa di Napoli e non solo.

Le Scale di Napoli, come ha sempre sottolineato il Coordinamento, possono fornire un grande contributo, essere una rete di alleggerimento dei problemi di una mobilità già critica che l’emergenza sanitaria ha reso ancora più evidente nella sua complessità.

Come in tutti gli aspetti della società, questa Pandemia ha fatto emergere problemi atavici come il sistema di mobilità cittadino sempre in affanno fra scarsità di risorse, mancanza di programmazione e di visione dimostrando, ancora una volta, nell’attuale Fase 2, tutta la sua inadeguatezza.

L’individuazione e la moltiplicazione di percorsi pedonali, ciclistici, di micromobilità e di mobilità alternativa è la chiave per una vera svolta verso una mobilità realmente sostenibile in città che accompagna ad un progressivo abbandono delle auto private con il conseguente beneficio in termini di inquinamento e qualità della vita.

Il Coordinamento per il recupero Scale di Napoli – coordinamento di varie associazioni fra cui Legambiente, WWF, Green Italia, Lo sguardo che trasforma, Cittadinanzattiva, QI Quartiere Intelligente, Via Nova, C.P. Centro Cultura Popolare, Associazione napoletana beni culturali, Locus Iste – da oltre vent’anni è impegnato nella valorizzazione delle oltre 200 scale e gradonate della città proprio allo scopo di favorirne la conoscenza presso gli stessi napoletani e promuoverne la riqualificazione e la manutenzione nonché la vivibilità e la valorizzazione per un turismo sostenibile.

Al riguardo, pone le seguenti considerazioni

occorre:

1. che il patrimonio delle scale cittadine in questo periodo storico essendo “strade pedonali privilegiate”, sia messo subito nella condizione di essere pienamente fruibili attraverso il ripristino e il rafforzamento degli ordinari interventi di pulizia, illuminazione e sicurezza

2. promuovere la massima conoscenza di tali percorsi di viabilità pedonale e della loro interconnessione con i parchi urbani e con altri percorsi pedonali affinché i cittadini ne possano prendere contezza e se ne possano avvalere (mappe integrate, cartellonistica specifica, siti e social del Comune, video e highlight nelle stazioni metro, ecc.)

3. che si sviluppi, intorno alle Scale, una rete di viabilità dolce e di mobilità sostenibile che possa integrarsi con il trasporto pubblico locale (funicolari, ascensori, scale mobili, metro, autobus)

4. che l’Amministrazione comunale si adoperi affinché i previsti progetti di riqualificazione delle Scale (purtroppo in grande ritardo – 2016 – e ridimensionati nel tempo) siano assunti come una delle priorità all’interno di un più generale programma di ridisegno della mobilità urbana eliminando anche insostenibili lungaggini burocratiche

5. il necessario coinvolgimento dei cittadini in questo ridisegno e, per il progetto “Città verticale” del Comune, iniziare a mettere in atto un reale processo di partecipazione, un “cantiere partecipato” aperto realmente al confronto con le associazioni del Coordinamento e i cittadini, unici stakeholder del processo per il monitoraggio e progettualità esecutiva

In un momento come quello attuale, in cui si è in cerca di nuovi spazi di socialità che accolgano anche una rinnovata didattica a distanza e in presenza, le scale possono essere inserite in una nuova mappa della città che metta in evidenza percorsi di mobilità, luoghi di socialità, anche per la ristorazione e “aule verdi” capaci di garantire distanziamento e sicurezza.

Scale, parchi, percorsi pedonali e ciclabili, per una Napoli smart e sostenibile da vivere con consapevolezza e intelligenza senza tornare indietro e ripartire col piede giusto!

Il Coordinamento per il recupero Scale di Napoli mette in campo un ciclo di appuntamenti sulla pagina facebook delle scale di napoli https://www.facebook.com/scaledinapoli/ per dibattere il tema dell’utilità e della conoscenza degli itinerari e dei percorsi pedonali resi possibili dall’attraversamento delle scale alla scoperta di passaggi sorprendenti, scorci paesaggistici, storie di socialità e di piccola economia locale…

La campagna “I venerdì delle scale” intende indicare le Scale come l’asse di una rete integrata di percorsi che offra ai cittadini un’alternativa intelligente per muoversi in città in maniera più salubre e sostenibile.

Ecco Il primo appuntamento:

29 maggio 2020

Percorsi verticali nella città obliqua: le Scale del centro storico
Paola Silvi Presidente di Legambiente Parco Letterario Vesuvio APS
Raffaele del Giudice, assessore all’ambiente del Comune di Napoli
Arch. Maria Anna Martignetti guida regionale autorizzata
Anita Pavone autrice attrice interprete.
Maurizio Amodio guida turistica e giornalista
conduce Carmine Maturo – portavoce Coordinamento Scale di Napoli

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments