SAN GIORGIO A CREMANO- “Tra i più terrificanti “sgomberi” imposti dal Vesuvio vi fu quello che, il 16 dicembre 1631, colpì l’intero comprensorio campano; l’eruzione durò fino alla fine del mese e distrusse quasi tutti gli abitati ai piedi del vulcano, bruciando cinquanta casali, causando circa 30.000 vittime e provocando importanti modificazioni del suolo”.

Inizia così il libro di Giuseppina Scognamiglio, docente dell’università Federico II di Napoli che sarà presentato e “recitato”  sabato 9 aprile a San Giorgio a Cremano nella sede dell’associazione Progetto San Giorgio, in via Bachelet 16.  Il volume dal titolo “Giovan Battista Bergazzano e il risveglio violento del “Bello Addormentato” nel 1631 narra della terribile eruzione del vulcano attraverso la figura singolare ed eclettica di Giovan Battista Bergazzano, barbiere, poeta e drammaturgo noto nel panorama letterario del Seicento. L’autrice riporta e commenta il dialogo del poeta tra il Vesuvio e Bacco. Il dio del vino si lamenta con il vulcano perchè l’eruzione del 1631 ha distrutto tutti i terreni coltivati a vigna e da lì inizia un preziosa conversazione tra mitologia e storia, tragico e ludico, sacro e profano.Durante l’evento, che si svolgerà a partire dalle 18.00, è prevista anche un’esibizione teatrale che porta in scena parte di questo brillante dialogo, attraverso le performance di due attori professionisti. All’iniziativa parteciperà il sindaco di San Giorgio a Cremano Giorgio Zinno, Giovanni Ricciardi, vulcanologo dell’Osservatorio Vesuviano, Aldo Vella, ex sindaco di San Giorgio a Cremano e studioso. Introduce il presidente dell’associazione Progetto San Giorgio, Franco Liguori.

Breve nota sull’autrice

 Giuseppina Scognamiglio insegna Letteratura italiana presso la Facoltà di Lettere e Fi-losofia dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Ha dedicato i suoi studi e la sua ricerca, prevalentemente, alla cultura teatrale del Sei-Settecento e a Francesco Antonio Giusto, di cui ha curato la ‘voce’ per il Dizionario biografico degli Italiani (Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 1994) e le edizioni delle tre opere teatrali Li travagliati amori (Napoli, Loffredo, 1983), La gioia (Pompei, Le Pleiadi, 1993) e La ghirlanda incantata (Pompei, Le Pleiadi, 1996).

È stata curatrice dei volumi: Il Mezzogiorno da Scotellaro a oggi. Economia, Letteratura, Società (Napoli, Liguori, 1996); Peppino De Filippo e la comicità nel Novecento (Napoli, ESI, 2005);Sullo scrittoio di Partenope. Studi teatrali da Mastriani a Viviani (Napoli, ESI, 2006); La scrittura che accende la scena. Studi e testi teatrali da Bracco a Troisi (Napoli, ESI, 2007); Per Peppino De Filippo attore e autore (Napoli, ESI, 2010); Il lato oscuro del teatro (Napoli, ESI, 2012).

Oltre a saggi su Marc’Antonio Epicuro, Giordano Bruno, Paolo Regio, Marc’Antonio Perillo, Carlo Celano, Pietro Trinchera, Eleonora Pimentel de Fonseca, Pietro Napoli Signorelli, Eduardo De Filippo, Salvatore De Muto, Aldo De Benedetti, Totò, Enzo Striano, Annibale Ruccello eAntonio Palermo, ha pubblicato i volumi: Tradizione e innovazione. Studi su De Sanctis, Croce e Pirandello (insieme con D. Della Terza e M. D’Ambrosio, Napoli, Liguori, 1999); Ritratti di donna nel teatro di Carlo Goldoni (Napoli, ESI, 2002); «Nel mondo mutabile e leggiero». Torquato Tasso e la cultura del suo tempo (insieme con D. Della Terza e P. Sabbatino, Napoli, ESI, 2003); L’universo poetico di Moriconi (Napoli, Liguori, 2004); «Per il capolavoro ripassi domani». Studi sull’ultima narrativa pirandelliana (Napoli, ESI, 2004); L’arte della scrittura. La scrittura dell’arte (Napoli, ESI, 2008); Come (ri)leggere «La Lupa» di Giovanni Verga. Dal testo alla scena(Caserta, Spring, 2009); Le vie di Troisi sono infinite (insieme con V. Caprara e P. Sabbatino, Napoli, ESI, 2012),

Coordinatrice del Laboratorio di Scrittura teatrale del Dipartimento di Filologia Moderna “Salvatore Battaglia”, fa parte del Consiglio scientifico del Master universitario di II livello in Letteratura, Scrittura e Critica teatrale dell’Ateneo federiciano e del Comitato editoriale della Rivista di Letteratura teatrale e dei Quaderni meridionali. Dirige le collane La scrittura teatrale. Studi e testi(Napoli, ESI, 2006 e ss., insieme con D. Della Terza e P. Sabbatino) e Il Palcoscenico(Caserta, Spring, 2000 e ss.).

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments