NAPOLI – Un’occasione per celebrare la Giornata internazionale della Blasfemia, ma anche un appuntamento-staffetta per lanciare la prossima edizione di Ceci n’est pas un blasphème e la sua raccolta fondi. Reduce dallo straordinario record di presenze dello scorso anno, infatti, il Festival delle Arti per la libertà d’espressione contro la censura religiosa vuole consolidarsi come kermesse biennale.

L’associazione organizzatrice Falsi Magri(tte) vi aspetta quindi venerdì 30 settembre alle 18.30 presso la libreria e hub creativo The Spark di Napoli, in Piazza Bovio n.33, per un evento davvero unico nel suo genere: Spendi, Spandi e/offendi. Un talk-show che è anche un quiz a tema, un comedy-show che fa anche divulgazione.

Ospiti d’eccezione saranno 𝗟𝘂𝗰𝗮 𝗜𝗮𝘃𝗮𝗿𝗼𝗻𝗲 (direttore creativo Ciaopeople) e 𝗗𝗮𝘃𝗶𝗱𝗲 𝗗𝗗𝗟 (stand-up comedian), che presenteranno agli spettatori dei divertenti monologhi nati dalla riflessione del loro rapporto con la fede, le istituzioni religiose, la tradizione.

 

Non mancheranno la proiezione del cortometraggio 𝗞𝗮𝘇𝘇𝗼𝘁𝘁𝗶 𝗶𝗻 𝗽𝗮𝗻𝗰𝗶𝗮, dei subvertiser Ceffon ed Illustre Feccia, e tante altre sorprese.

Il pubblico avrà anche la possibilità di provare uno dei pezzi che ha riscosso maggiore successo durante la prima edizione del festival, nel corso della mostra espositiva tenutasi al Palazzo delle Arti di Napoli: la Blasphemy Box, una sorta di “confessionale portatile” da installare temporaneamente nei luoghi pubblici per soddisfare le proprie necessità blasfeme, bestemmiando così in tutta sicurezza senza rischiare la sanzione ancora oggi in vigore per chi esterna tale concetto in pubblico, e che varia dai 50 ai 310 €.

Presentano la serata Emanuela Marmo, direttrice artistica del festival, e Rosaria Carifano (giornalista).
L’evento è organizzato in collaborazione con The Spark.

L’ingresso è libero, è gradita la prenotazione all’indirizzo mail info@thesparkhub.it

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments