POMPEI – Si conclude nel segno dei Foja la prima edizione del Pompei Street Festival. In piazza Schettini il quintetto napoletano si è esibito in piazza Schettini in un concerto già da giorni tutto esaurito.

“Siamo contentissimi di tornare sul palco – afferma il cantante Dario Sansone -. Riabbracceremo finalmente il nostro pubblico, che ha risposto calorosamente e celermente alla nostra chiamata”. Ci sarà musica anche nella Fonte Salutare, alle 17 con ETM feat Flavio Cuccurullo e alle 18,00 con Flying Tailor.

L’ultimo giorno della rassegna ideata e diretta da Nello Petrucci è iniziata con un Tour curato da Chiara Canali.

Nel pomeriggio in via Sacra le azioni di live painting a cielo aperto dei 32 artisti presenti nella cittadina vesuviana.

L’idea di un’arte in costante movimento è ben presente nel grande murales di M-City che domina il palco di piazza Schettini, come nell’opera realizzata da MrKas all’interno della Fonte Salutare: una maratona di colori e segni presente anche nei murales di Francisco Bosoletti e C215.

Un focus sui diritti per la famiglia ha aperto invece la giornata della sezione Cinema al teatro Costanzo Mattiello: “Prima di tutto” di Marco Puccioni sarà lo spunto per un dibattito a più voci.

«Pompei – ha detto l’ideatore e direttore artistico della kermesse, Nello Petrucci – è la città dei graffiti. Pompei è internazionale e può competere con città come Londra, New York e Parigi. Possiamo considerare questa prima edizione del Pompei Street Festival un po’ un “ritorno a casa” dell’arte. Un tempo erano i graffiti ad adornare le strade di Pompei. Spero che questo sia solo l’inizio e che l’anno prossimo avremo la possibilità di offrire a tutti un’edizione ancora più ricca».

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments