NAPOLI – Tornano anche quest’anno al Teatro Bellini le Lezioni di Storia curate da Laterza Editori. Tema al centro della rassegna: La Guerra dei sessi. Un approfondimento della questione femminile attraverso un tracciato, punteggiato da ‘partenze’ e ‘arrivi’, che dall’antichità ad oggi ci porterà a scoprire regine guerriere, storie tormentate di artiste e il ruolo catartico di alcune tra le donne più importanti della Storia. Sette incontri, sette prospettive diverse, per capire come la figura della donna e il suo rapporto con il sesso maschile sia mutato nei secoli.

Si comincia il 29 ottobre, alle ore 11:30, con Francesca Ceneriniinsegnante di  Storia Romana ed Epigrafia e Istituzioni Romane all’Università di Bologna, che tratterà il tema Politiche matrimoniali: l’onore e il sangue di Claudia, Livia e Giulia.

Questi gli appuntamenti:

19 novembre ore 11:30

Eva Cantarella

Armi e potere: le regine guerriere

 

Sia nel mito – come nel caso delle Amazzoni – sia nella realtà – come nel caso di Zenobia, regina di Palmira – le donne del mondo antico all’occasione hanno praticato anche l’arte della guerra, infliggendo agli uomini severe sconfitte.

 

Eva Cantarella ha insegnato Istituzioni di Diritto romano e Diritti greco antico all’Università Statale di Milano.

 

3 dicembre ore 11:30

Amedeo Feniello

La battaglia del denaro: Sybille e i banchieri

 

A metà del XIV secolo – quando a Firenze dominano i banchieri – una vedova provenzale li sfida, facendo causa alla potente famiglia Bonaccorsi che l’ha truffata.

 

Amedeo Feniello  insegna Storia medievale al Dipartimento di Scienze Umane dell’Università dell’Aquila.

 

17 dicembre ore 11:30

Costantino D’Orazio

Violenza familiare: Artemisia, Agostino e Orazio

 

Il talento di Artemisia Gentileschi è spesso oscurato dalla fama del processo pubblico seguito alla violenza subita da ragazza ad opera di un amico di famiglia, il paesaggista Agostino Tassi. Una vicenda ancora piena di nodi irrisolti, legati soprattutto al ruolo di suo padre, il pittore Orazio Gentileschi.

 

Costantino D’Orazio, storico dell’arte e curatore presso la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

 

21 gennaio ore 11:30

Maria Giuseppina Muzzarelli

Venia, Venus, Venenum: storie di avvelenatrici

 

A fine Settecento a Palermo si celebra il processo contro Giovanna Bonanno, una vedova accusata di vivere vendendo veleno alle malmaritate, perché potessero somministrarlo agli uomini attraverso gustose pietanze. Ma la storia delle avvelenatrici inizia molto prima…

 

Maria Giuseppina Muzzarelli insegna Storia medievale, Storia delle città e Storia e patrimonio culturale della moda all’Università di Bologna.

 

11 febbraio ore 11:30 Fernanda Alfieri

Amori impensabili: donne che sposano altre donne

 

Un giorno di aprile dell’anno 1725, Giovanna Maria Wincklerin si presenta al tribunale romano del Sant’Uffizio per autodenunciarsi. Dice di essere figlia del re di Polonia e di avere una moglie, lasciata a Vienna. Come era potuto accadere che le due si fossero sposate? E come era possibile che una donna ne amasse un’altra? Dietro agli interrogativi delle autorità c’è un mondo di credenze antiche e ancora attuali sulla sessualità femminile, sull’identità e sul desiderio.

 

Fernanda Alfieri, ricercatrice di Storia moderna all’Università di Bologna.

 

25 febbraio ore 11:30

Valeria Palumbo

Penne come armi: Virginia Woolf e le altre

 

Era stato loro concesso di leggere e addirittura scrivere romanzi. E ne hanno subito approfittato: Virginia Woolf scardina i principi del mondo e dello sguardo maschile, ma non è la sola intellettuale, tra la Prima e la Seconda guerra mondiale, a svelare i meccanismi del dominio degli uomini. Né l’unica a pagare per averlo sfidato.

 

Valeria Palumbo, storica e giornalista.

Prezzi: 10€ intero / 7€ ridotto studenti e cral

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments