NAPOLI – Laboratori e attività didattiche dedicate ai detenuti hanno preso il via al Teatro di San Carlo, grazie al protocollo d’intesa tra la Fondazione e la Casa Circondariale G.Salvia di Napoli – Poggioreale.

Guidati da personale qualificato del Lirico di Napoli infatti, i giovani hanno iniziato a
frequentare corsi di formazione specialistica legati ai mestieri del palcoscenico: in particolare sono stati attivati corsi per i profili professionali di Elettricista, Macchinista, Attrezzista, Sarto teatrale, Addetto alle attività amministrative, ciascuno della durata di 200 ore.
Inoltre giovedì 4 novembre a partire dalle ore 10 la Chiesa della Casa Circondariale di Poggioreale si trasformerà in palcoscenico: andrà in scena infatti “Cavalleria” spettacolo teatrale a cura del Maestro Carlo Morelli che avrà per protagonisti gli stessi detenuti. Il progetto pone l’accento sulla pratica teatrale intesa come vera e propria attività formativa che aiuta la riscoperta delle capacità e sensibilità personali.
“Non possiamo considerare il carcere come un qualcosa di esterno alla nostra
comunità, al contrario – afferma il sindaco di Napoli e Presidente della Fondazione Teatro di San Carlo Gaetano Manfredi – la Casa Circondariale G.Salvia è pienamente inserita nel tessuto cittadino e in quanto tale deve dialogare con tutte le istituzioni, prima fra tutte quelle culturali, nell’ottica di un percorso di recupero che ha come fine ultimo proprio il reintegro nella società”.
“L’effetto positivo delle attività culturali per il recupero dei detenuti e il loro reinserimento nella società è ormai universalmente riconosciuto, per questo sono particolarmente felice che due istituzioni cittadine come il Teatro San Carlo e la Casa Circondariale G.Salvia lavorino insieme a progetti di inclusione che favoriscono non solo il reintegro dei detenuti stessi ma che hanno una più ampia ricaduta sul bene della società”, così il Sovrintendente del Teatro di San Carlo Stéphane Lissner. “Mettere in rete il carcere di Poggioreale e la più grande istituzione culturale cittadina è un risultato molto importante – afferma il direttore della Casa Circondariale “Giuseppe Salvia” Carlo Berdini – ed è per questo che sono particolarmente lieto di questo protocollo d’intesa e soprattutto dell’avvio, in questa fase realizzativa, di corsi di formazione professionalizzanti che favoriscono il reinserimento nella società. A tal proposito vorrei esprimere un particolare ringraziamento alla Dott.ssa
Patrizia Mirra presidente del Tribunale di Sorveglianza di Napoli per il supporto dato a questa iniziativa che mi auguro possa essere l’inizio di un percorso più ampio”.
“Per il Teatro di San Carlo l’impegno sociale resta una priorità e questo protocollo d’intesa conferma la nostra volontà di essere sempre più un’istituzione al servizio della città – afferma il direttore generale Emmanuela Spedaliere –il teatro, la musica e in generale tutte le attività artistiche sono uno strumento essenziale non solo per il reinserimento sociale ma soprattutto per il benessere psico-fisico della persona. Desidero ringraziare tutti i dipendenti della Fondazione per la grande disponibilità e sensibilità nell’accogliere questi giovani e avviarli a un percorso di conoscenza dei mestieri del teatro”.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments