NAPOLI – Live in Villa di Donato, nell’edizione 2022, ricorda la vita e le opere di Pierpaolo Pasolini.

Ed è per rendere omaggio ad uno dei più gradi esponenti del patrimonio culturale italiano del Novecento – A 100 anni dalla sua nascita – che nasce la rassegna Voci Per Pasolinicon il sostegno della Regione Campania Piano di Promozione culturale 2022, legge 7/2003 art11 dgr.n233/10 maggio 22. Cinque artisti per cinque appuntamenti che, da dicembre 2022 a marzo 2023, proporranno una visione inedita dell’intellettuale romano attraverso incontri ideati appositamente per Villa di Donato.

“Abbiamo voluto che Pasolini fosse in Villa di Donato tra noi a parlare, grazie ad artisti che, prestando la loro voce a Pasolini, ne faranno rivivere l’inquietudine personale e sociale che pervade i suoi scritti dolorosi, critici e profetici – racconta Patrizia de Mennato, Padrona di casa e ideatrice della rassegna – La sua passione civile e la sua poetica troveranno voce nella lettura critica originale di Pasolini che gli artisti hanno realizzato appositamente per Voci per Pasolini. Avvalendosi dell’introduzione di un discussant d’eccezione, ognuno ha potuto scegliere il proprio personale registro (la parola, l’immagine, la musica,) per sollecitare una partecipazione empatica ed emozionale”.

Massimo Andrei, Francesco Di Leva, Christian Poggioni, Alessandro Preziosi, Sergio Sivori: sarà grazie a loro che il pubblico di Villa di Donato potrà riscoprire il punto di vista, sempre interessante e mai scontato, di Pier Paolo Pasolini sulla società e sull’arte.

Alessandro Preziosi aprirà le scene giovedì 15 dicembre 2022 con Memorie Barbariche. Omaggio a Pier Paolo Pasolini (introduce Mirella Armiero), reading tratto da “La Divina Mimesis”,pubblicata postuma nel novembre del 1975, in cui l’intellettuale romano intraprende una riscrittura in chiave moderna della Divina Commedia e, in particolare, della prima cantica, re-immaginata come un inferno neocapitalistico.

Sabato 21 gennaio 2023 sarà l’occasione per riscoprire la produzione poetica dell’intellettuale romano, grazie a Christian Poggioni che affronterà Pasolini Poeta – Melologo per Attore e violoncello. I versi di Pasolini, pieni di vita, tesi e sinceri offrono il ritratto di un artista che fu prima di tutto un uomo, con il suo dolore, la sua fragilità, i suoi sogni e le sue delusioni. Ai versi decantati da Poggioni risponderà il violoncello solo di Irina Solinas.

Tutta la complessità dell’essere napoletano non sarebbero potuta sfuggire allo sguardo scevro di pregiudizi di Pier Paolo Pasolini. Se diceva che i napoletani gli stavano simpatici, se aveva scritto che preferiva la povertà dei napoletani al benessere della repubblica italiana, se parlava di uno scambio di sapere con loro e di un’energia presente in tutte le classi della città, al punto che “sono pieni di vitalità sia il ragazzo povero, sia il ragazzo borghese”, tutto questo significa che “l’ultima metropoli plebea”, ha qualcosa che il suo occhio e la sua mente acuta non hanno perso. Con Pasolini e Napoli. In-croci, Massimo Andrei racconterà giovedì 26 gennaio 2023 il rapporto di Pasolini con il capoluogo partenopeo. Ad accompagnarlo la voce e la fisarmonica di Eduarda Iscaro.

Il tema caro alla tragedia greca della predestinazione dei figli a pagare le colpe dei padri è affrontato da Pasolini ne I giovani infelici, scritto pubblicato postumo da Einaudi nella raccolta Lettere luterane. Francesco Di Leva porterà a Villa di Donato questo testo, con la drammaturgia di Fabio Pisanosabato 4 febbraio 2023. Spiega Pisano: “ Gennariello risponde a Pasolini con un titolo, un incipit, un suggerimento o forse un’utopia perché dopo quarantasette anni […] ha deciso di aprire nuovamente quel trattatello pedagogico a lui destinato e di restituire a Pierpaolo ciò che più manca e che più gli è mancato, quel che nelle prime pagine il grande poeta e intellettuale bolognese descrive come il tuo dialogo, la tua voce, il tuo sorridere”.

Sarà Sergio Sivori a chiudere l’excursus nel pensiero e nell’opera pasoliniana con una rilettura tratta da una delle opere di Pasolini fra le più amate: Scritti Corsari. La perfromance “IO SO” e altri Corsari si apre con lo scritto esplosivo “IO SO…”, pubblicato nel novembre del 1974 sul «Corriere della Sera». Un articolo di denuncia contro l’intera classe politica italiana. A marzo 2023 (data da definire), Sergio Sivori, farà rivivere una selezione di scritti corsari, riproponendoli in una rapsodia per la scena grazie al dialogo con la voce di un violino.

 

15 dicembre 2022

ALESSANDRO PREZIOSI

*Memorie Barbariche*

Omaggio a Pier Paolo Pasolini

Discussant Mirella Armiero

 

21 gennaio 2023

CHRISTIAN POGGIONI

PASOLINI POETA

Melologo per attore e violoncello

Christian Poggioni, voce recitante

Con Irina Solinas, violoncello solo

 

26 gennaio 2023

MASSIMO ANDREI

*PASOLINI E NAPOLI. IN-CROCI*

scugnizzi, artisti, figuri

incontrati, stimati, esecrati.

Con Eduarda Iscaro, voce e fisarmonica

 

4 febbraio 2023

FRANCESCO DI LEVA

*I giovani infelici* di Pierpaolo Pasolini

drammaturgia di Fabio Pisano

 

Marzo 2023 ( data da definire)

SERGIO SIVORI

“IO SO” e altri Corsari

Live in Villa di Donato | Stagione 2022/23

Biglietto unico – 40 euro

Prenotazione obbligatoria. Numeri di posti limitato:

prenotazioni@villadidonato.it


Villa di Donato – Piazza S. Eframo Vecchio, 80137, Napoli
Web: www.villadidonato.it
Fb: https://www.facebook.com/villadidonato/
Instagram: Villa di Donato

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments