NAPOLI – La rigenerazione passa attraverso il cambiamento di cui siamo artefici: siamo artigiani del nostro futuro. È così che vogliamo descrivere l’appuntamento del prossimo 26 gennaio: diventare #Artigianidelfuturo!
#Artigianidelfuturo è l’evento promosso da Proodos cooperativa sociale a tema comunità educante per raccontare l’ecosistema costituito da diverse realtà, con funzioni e peculiarità differenti, che hanno scelto di dar vita, insieme, alla comunità educante nei quartieri di Gianturco, Poggioreale, S. Lorenzo, Vicaria, mettendosi accanto a ragazzi e ragazze, accompagnando le famiglie, percorrendo nuove strade possibili per educare alla vita, al bello, alla responsabilità e soprattutto a sentirsi comunità.
Alla presenza di ospiti e relatori della rete costruita ci confronteremo negli spazi del quartiere che ha dato vita a l’Amica Geniale, la tetralogia di Elena Ferrante diventata serie tv di successo.
Con la partecipazione dell’Arcivescovo Metropolita di Napoli, Monsignor Domenico Battaglia e della Presidente di Municipalità Maria Caniglia, i veri protagonisti saranno gli attori del progetto Base Comune: i giovani, ispirati dal desiderio di costruire il proprio futuro.
Ai saluti introduttivi affidati a Mario Sicignano Presidente di Proodos cooperativa sociale e Raffaella Ruocco Consigliera di Amministrazione di Proodos società cooperativa, e a Padre Marco Rota, Parroco della Parrocchia Sacra Famiglia, faranno seguito gli interventi di ospiti (istituzionali e non) che porteranno il loro contributo con le riflessioni sul tema rigenerazione e cambiamento che ispira il nostro operato comune.
Gli interventi saranno affidati a Sua Eccellenza Monsignor DOMENICO BATTAGLIA, Arcivescovo Metropolita di Napoli, a MARIA CANIGLIA, Presidente IV Municipalità Comune di Napoli, a LETIZIA TESTA Preside Istituto Superiore di Istruzione Secondaria Enrico Caruso – Napoli, a ANGELA MORMONE Preside Istituto Comprensivo BONGHI – Napoli, a MARIA ROSARIA SOLDI Presidente Azione Cattolica Diocesi Napoli, a ANNALISA BONIELLO, Preside Istituto Comprensivo IMBRIANI.
Con la partecipazione degli studenti degli istituti Caruso, Bonghi e Imbriani e dei giovani e delle famiglie delle Parrocchie Sacra Famiglia, Sant’Anna alle Paludi, SS Trinità al Corso Malta, inaugureremo anche il MANIFESTO DELLA COMUNITÀ EDUCANTE: uno strumento per fotografare il qui ed ora della comunità: le storie, i sogni e i bisogni per individuare temi di confronto e campi di intervento, fissare idee e spunti di innovazione, condurre laboratori progettuali di messa a punto di percorsi di cambiamento.
Il Manifesto sarà utilizzato come strumento operativo per la redazione partecipata dei contenuti della prima CARTA DELLACOMUNITÀ EDUCANTE su Gianturco pensata come un documento che raccoglie e articola le riflessioni strutturate, sviluppate nei processi partecipativi, individua e delinea alcuni campi d’azione della comunità che pensa e agisce il sogno comune.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments