NAPOLI – “Bene l’iniziativa del Ministro Carfagna ma sul sud bisogna prendere atto della incapacità di spendere le risorse. Lo ribadiamo ancora una volta: o si cambiano radicalmente le procedure o assisteremo all’ennesima occasione mancata.
In Italia sulle infrastrutture sono disponibili 57 miliardi di euro, di questi 54 sono stati impegnati ma ne sono stati spesi effettivamente soltanto 7 miliardi. Entro il 2023 devono essere impegnati con progetti canteriabili per 30 miliardi. Di questo passo non saremmo capaci di utilizzarli, non è un problema di soldi ma di capacità di progetto e di spesa”.
È il commento di Pasquale Russo, direttore generale di Confcommercio Imprese per l’Italia che in Campania rappresenta migliaia di imprese non solo nel commercio, ma n di l turismo, nella logistica, nella sanità e in tutto il terziario avanzato, cuore del sistema economico campano.
“Nel next generation il sistema portuale campano ha presentato ed ottenuto risorse per 430 milioni di euro ma di questi sono utilizzabili solo 150, bisogna eseguire una project review per impiegarli, di questo secondo noi potrebbero preoccuparsi sia il
Ministro per il sud che la Regione. Bisogna fare presto. Sulle Zes, così come sono servono a poco, inutile fare slogan, basti pensare alla Whirlpool che è in una delle
Maggiori zes della Campania ma che ha lasciato la regione e lo stesso discorso vale per la Jabil di Marcianise. Non è più tempo per analisi e buoni propositi, si agisca subito e bene, sennò il Meridione ancora una volta sarà condannato ad un declino economico pesantissimo. Il ministro Carfagna costituisca una cabina di regia coinvolgendo tutti i livelli istituzionali e si lavori per affrontare le criticità che da tempo ostacolano lo sviluppo del Mezzogiorno”, ha concluso Russo.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments