NAPOLI – Due focolai di Covid nelle ultime ore in Campania.

A Castellammare di stabia situazione grave all’Ospedale San Leonardo chiuso nelle ultime dopo la positiva di 20 tra medici e infermieri. Molti pazienti sono stati trasferiti.

Le autorità e l’Unitàò di Crisi stanno monitorando attentamente la situazione visto che il numero delle persone infette potrebbe continuare a salire.

E sempre per un focolaio di Covid chiuso un call center dell’Alto-Casertano, con una trentina di dipendenti positivi.

Lo comunica su Facebook Bartolomeo Cantelmo, sindaco di Vairano Patenora, comune con poco più di 6500 abitanti, dove si contano 45 persone attualmente positive.

“Circa 30 impiegati presso un call center sito in un vicino comune – scrive il primo cittadino – sono risultati positivi al Covid, alcuni di questi sono residenti a Vairano, in particolare nella frazione Scalo.

L’Asl, con la collaborazione dei Comuni interessati, sta già provvedendo ad impartire le opportune indicazioni a tutti i positivi, con il tracciamento dei contatti.

Vista la grave situazione, raccomando ancora di più il massimo impegno nel rispetto delle regole e delle norme che sicuramente sono gravose e complicate, ma rappresentano l’unico modo per contenere la diffusione del virus” conclude Cantelmo.

E in queste ore apprensione anche per i giocatori della Casertana. Ieri poco prima della gara con la Viterbese, 16^ giornata del campionato di C, giocata in 9 dai falchetti, tre calciatori erano in stato febbricitante. La ASL locale, proprio prima del fischio di inizio del match, aveva effettuato tamponi sugli stessi: due di questi, scesi comunque in campo, sono oggi risultati positivi al virus.

La nota della società:

“La Casertana FC comunica che due dei tre calciatori rossoblu sottoposti ad urgente tampone dall’ASL di Caserta nell’immediato pre-partita del match con la Viterbese, a causa dell’evidente stato febbrile, sono risultati positivi al Covid-19.

Una notizia che non fa altro che aumentare amarezza e sgomento per la gestione non condivisibile da parte degli organi preposti dell’emergenza vissuta dal nostro club nell’ultima settimana. In campo con due calciatori positivi, nonostante la Casertana FC avesse chiesto almeno il posticipo dell’orario di inizio della gara in attesa di conoscere l’esito dei tamponi, la partita di ieri ha rappresentato e rappresenta un pericolo per i calciatori in questione, i propri compagni di squadra e gli stessi avversari.

Restiamo increduli di fronte a ciò, con la speranza che ora altri abbiano il buongusto di non spendere più parole inutili”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments