POMPEI – Giovane e moderno, curato nei minimi dettagli siamo al ristorante e cocktail bar dello chef Paolo Del Giudice a Pompei. Arredato con gusto, tutto riporta al mare dalle lampade che “cadono” sui tavoli come canne da pesca, alle tende bianche come vele che fungono da separé. Lui, lo chef, giovane figlio di questa terrà briosa e vulcanica con il mare nel sangue, ha riportato sé stesso e il suo mare, quello del Golfo di Napoli, nella sua cucina. Proprio il nuovo menù degustazione, il nome è tutto un programma, “Cap’e Paolo” è una lunga carrellata di piccoli e grandi piatti alla scoperta di uno chef “pazzo” e creativo che fa una cucina di mare impeccabile, avete presente una “mareggiata” di gusto…da provare assolutamente. Iniziamo con una chicca particolarmente apprezzata e divertente, Acquasantissima è il gin tonic realizzato con acqua di mare, che abbiniamo ad un crudo, una Tartare di tonno agli agrumi e cialda croccante. Passiamo da un incredibile crudo ad un ottimo cotto ed è Polpo arrosto, terrina di patate e mayo al prezzemolo, armonico e gustoso con un sorso ben abbinato di Vigna Caselle Gewürztraminer di Maso Cantanghel, in Trentino. Il vino ben abbraccia anche il piatto successivo, la nostra carrellata passa per il fritto “Arancino di mare, totani, piselli e provola”, spaziale! Quindi dopo il crudo, il cotto, il fritto…c’è il pane con un ottimo Hot dog di pesce spada, cipolla caramellata e senape in grani. È il momento del primo, è un Tortello ripieno di orata, guazzetto di cozze e vongole, aglio nero e salsa di bufala, mentre il secondo è un Baccalà, crema di zucca affumicata e porro fritto, gustoso, armonico e molto piacevole. Terminiamo con un ottimo dessert, un originale Babà. Insomma a “Cap’e Paolo” è un turbinio di gusto…un percorso emozionale, raccontato con passione ed entusiasmo da un ragazzo giovane e ambizioso di grande talento.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments