DSC_7827

NAPOLI – Un palazzo monumentale nel cuore di Napoli, posizionato in un punto strategico tanto da essere legato alla Repubblica Napoletana di Masaniello; due altissimi portali dai quali si accede al cortile. Pilastri di piperno e un chiostro cinquecentesco, sotto una pioggia battente con un gioco di luci ed un profumo invitante,  è “Emozioni nel Chiostro- L’alta cucina a Palazzo Caracciolo”.

Per una sera di gusto, lo chef resident Daniele Riccardi ospita, condividendo la cucina ed il menù con Alfonso Caputo chef stellato de La Taverna del Capitano di Massa Lubrense. In una atmosfera magica, una carrellata di grandi piatti con attenzione alle cotture  in un susseguirsi di armonici bocconi e un sorso di gusto tutto campano con la Falanghina di Cantine Di Criscio. Partendo con lo chef resident ed è un “Vasocottura di rocher di merluzzo in infusione di the matcha e menta”, studio e attenzione agli abbinamenti per un morso piacevole. Lo “stellato” risponde con un turbinio di sapori per un piatto dalla strepitosa armonia e dall’invitante cromaticità ed è “Gamberone rosso in spaghetto di patate fritto, alghe di mare, salsa di peperoni e bottarga di palamito”. Si prosegue con un “Spaghetto aglio e olio con totani e pomodorini”, come in un antico rituale con lo spaghetto aglio e olio adagiato su un sugo di totani e pomodorini. Il secondo firmato da Daniele è “Cernia bianca in cottura pil pil bassa temperatura con crema all’aglio e mousse di mandorle”, per un accoppiata di gusto dall’insolito sapore. Si termina con i due dolci, il primo firmato Caputo “Il giardino mediterraneo” e le “Declinazioni di eclair al cioccolato” di Riccardi. Ci accompagnano al termine della serata i liquori dell’Antica Distilleria Petrone. Aspettando il prossimo appuntamento vi segnaliamo questa location d’eccezione.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments