NAPOLI – Il Real Museo Mineralogico di Napoli aprirà le porte a un evento unico nel suo genere, fungendo da location a “Demetra”, la sfilata di moda a cura della stilista emergente Fabrizia Cacace, il 22 febbraio alle ore 18.

La kermesse, ispirata e dedicata alla moda made in Naples, vedrà sfilare circa venti abiti, tutti ideati, progettati e realizzati dalla giovane stilista napoletana e il cui mood di ispirazione trae origine dalla natura e dall’oceano.

Durante la manifestazione si alterneranno momenti artistici e culturali che spiegheranno lo stretto legame che da sempre unisce la moda alla natura; lo stesso legame che ha permesso la nascita della collezione targata Cacace.
A presentare l’evento, l’attore napoletano Diego Sommaripa che inviterà i partecipanti alla riflessione in merito a svariate tematiche, dal ruolo del made in Naples all’attuale e oramai improrogabile questione ambientale, con particolare riferimento alla situazione in cui riversano gli oceani.
A sfilare, sulle note selezionate dal dj Vincenzo Curcio, saranno circa 15 modelle, curate nel trucco dalla make up designer Malvina Passaro, nel parrucco dal team L’orel parrucchieri e fotografate dal noto ph partenopeo Roberto Jambice. Le riprese video saranno a cura di Lello De Rosa.

Demetra: un evento culturale che unisce made in Naples e natura
Non solo un evento di moda. La giovane Cacace con “Demetra” intende porre l’attenzione su due concetti che le stanno particolarmente a cuore: il valore artistico dell’artigianato made in Naples e l’inderogabilità di trovare una soluzione all’inquinamento degli oceani. A tal proposito, la kermesse “Demetra” si porrà come momento di riflessione su tali questioni. In riferimento all’inquinamento che da anni affligge i nostri mari, sarà il presentatore dell’evento, Diego Sommaripa, a mettere in scena un monologo ad hoc, al fine di spiegare quanto un mondo plastic free sia ben oltre che auspicabile in un fututo prossimo, ma di vitale importanza adesso per rimediare una volta per tutte all’inquinamento degli oceani. Seguirà, a sfilata conclusa, un secondo intervento in merito alla necessità di comprendere a pieno le potenzialità che la città di Napoli e tutto il territorio campano possiedono da sempre nel settore della moda. Non a caso, la giovane Cacace ha scelto il 22 febbraio per mettere in scena Demetra: negli stessi giorni della Fashion Week, Demetra vuole essere l’occasione per ricordare a tutti i partenopei che arte, talento, tecnica ed esperienza sono qualità che da sempre contraddistinguono il territorio campano.

Dall’Accademia della Moda al Real Museo Mineralogico
“Demetra” è il frutto di passione e impegno della giovane Fabrizia Cacace che dei suoi studi presso la IUAD, l’Accademia della Moda di Napoli, ha deciso di farne un mestiere a tutto tondo.
Il 2018 l’ha vista sfilare durante la Keqiao Fashion Week in Cina, ma è stata la sua partecipazione alla Fashion Graduate Italia a Milano, manifestazione cui partecipano le migliori promesse delle migliori scuole italiane presentando le proprie collezioni, a gettare concretamente le basi dei suoi lavori successivi, sino a “Demetra”.

Due le collezioni già realizzate dalla Cacace, entrambe ispirate al mondo naturale. La prima, “Geometric Ocean F/W” nata dallo studio degli elementi oceanici: corallo, algh, onde e riflessi della luce sull’acqua sono stati interpretati in chiave geomentrica e poi trasformate in capi di abbigliamento con tessuti denim e pelle. La seconda, “ Mineral Space F/W”, nata interamente dallo studio dei minerali e delle rocce. Ametista, minerali ferrosi e cristalli sono stati cuciti dalla giovane stilista su diversi tessuti, ricostruendo la forma dei geodi, punteggiando le superfici per ricreare l’effetto della crosta terrestre. Volumi spigolosi in varie tonalità di grigio sono i protagonisti della collezione che ha avvicinato la Cacace al real Museo Mineralogico.

Entrambe le collezioni sono state presentate lo scorso novembre in occasione della VII edizione del MAET, il contest di make up, in collaborazione con Kryolan Campania Professional Make Up, durante la XXIII edizione di Fiera Aestetica, presso la Mostra d’Oltremare.

“Demetra” al Real Museo Mineralogico: un evento che valorizza la città di Napoli
E’ una giovane napoletana che ha studiato alla IUAD, Accademia della Moda di Napoli, l’autrice della collezione che sarà presentata il 22 febbraio presso il Real Museo Mineralogico di Napoli. Fabrizia Cacace ha solo 22 anni, ma ha le idee chiare: “Punto alla realizzazione di abiti che siano ricercati ed innovativi nelle forme, nei tessuti e nelle soprattutto nelle lavorazioni, senza dimenticare l’obiettivo principale, vale a dire che siano indossabili e vendibili”.

In un momento storico-sociale come quello attuale che vede tanti giovani italiani, soprattutto meridionali, lasciare la propria terra per cercar fortuna altrove, la tenacia della giovane Cacace, che ha scelto la sua città per il suo primo evento di moda è motivo di orgoglio per la città partenopea. L’evento, infatti, oltre ad essere patrocinato dalla IUAD, Accademia della Moda di Napoli, presso cui la giovane stilista ha concluso i suoi studi lo scorso luglio, ha ottenuto il patrocinio del Comune di Napoli.

L’iniziativa costituisce anche un modo per mettere in risalto le bellezze del territorio napoletano, riscoprendo la suggestiva location del Real Museo Mineralogico: a seguito della sfilata, tutti gli invitati avranno la possibilità di apprezzare le teche e le bellezze della struttura.
L’iniziativa è gratuita, non è previsto versamento di alcun tipo. La kermesse, tuttavia, si svolgerà alla presenza di un numero limitato e prestabilito di persone (trattasi di circa 200 invitati), per le quali è previsto un aperitivo al termine dell’evento.
Presenzieranno all’evento oltre alle istituzioni, nelle figure del Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris e dell’Assessore alle Politiche Giovanili, creatività e innovazione del Comune di Napoli, Alessandra Clemente; l’attore Gianluca De Gennaro, Amedeo Andreozzi, La Maschera, e tanti altri.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments