NAPOLI – È Marco Nicois reporter dell’Agenzia televisiva Prima Pagina, a ricevere il premio giornalista dell’anno “Ambasciatori del Sole 2022” per il suo impegno nel raccontare a rischio della vita il conflitto russo ucraino.

Il riconoscimento è stato consegnato nel corso della V edizione della kermesse ideata dal quotidiano Napoli Village edito da Raffaele De Lucia.

La serata andata in scena al salotto letterario “Le Zifere” a Piazzetta Nilo, come ogni anno ha avuto un filo conduttore, quest’anno: la cultura.

“La grande bellezza di cui si è spesso discusso – spiega l’editore Raffaele De Lucia – è sotto i nostri piedi, davanti ai nostri occhi, è nel nostro naso e nella nostra bocca.

Napoli, la sua storia fatta di contaminazioni di popoli, la sua arte, i suoi grandi padri fondatori e i suoi figli illusi sono un patrimonio inestimabile. Sono l’eredità per i nostri giovani, i nostri figli. È a loro che dobbiamo tendere una mano, sono coloro che dobbiamo supportare e aiutare.

Le nuove generazioni hanno il compito più arduo, avere il coraggio di restare qui nella loro terra, costruendo con le proprie mani il futuro e quello della città, impastando lavoro e fantasia, musica e parole, farina e lava dei vulcani. Riscoprire le tradizioni, la nostra storia, le nostre radici, attualizzarle senza snaturarle deve essere l’obiettivo di tutti.”

Durante la serata premiata come emittente televisiva Tele Ischia per la trasmissione televisiva “Linea di confine” condotta dalla giornalista, Anna Lamonaca.

Quest’anno la redazione di napoli Village ha deciso di realizzare una raccolta fondi destinata ai bambini di Casamicciola colpiti dalla frana.

Grazie ai colleghi dell’emittente isolana, a fine mese di gennaio, i fondi che saranno devoluti per la ricostruzione di: scuole, biblioteche, ludoteche presenti nel comune di Casamicciola.
La serata presentata dalla giornalista Anna Calì, ha visto la consegna di tanti premi, quest’anno raffiguranti il “Munaciello” realizzato da Lucio Ferrigno e lo spillino ufficiale della manifestazione realizzato da Roberto De Laurentiis.

A riprendere le premiazioni la collega Annalisa Nuzzo. Le fotografie sono state scattate invece dal fotografo Alessandro Pone.

Premiati con il titolo di Ambasciatori del Sole l’Assessore Leonardo Costagliola per Procida Capitale Cultura, il Sindaco di Bacoli Josi Gerardo Della Ragione, il rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa Lucio D’Alessandro, lo scrittore Maurizio De Giovanni, il Presidente della BCC Napoli Amedeo Manzo, il regista Giuseppe Alessio Nuzzo, il Centro Augusto di Tommaso Ricozzi, il presidente di ASSO.GIO.CA. Gianfranco Wurzburger, il manager Edoardo Imperiale, il critico d’arte Roberto Nicolucci, la cantante Mbarka Ben Taleb, l’autore di teatro Angelo Rojo Mirisciotti, l’imprenditore Salvio Passariello, lo chef Paolo Gramaglia, il manager Pino Oliva direttore del Teatro Troisi e Audio Live FM di Rosanna Astengo.

Significativi gli interventi dell’editore Roberto Nicolucci proprietario del Salotto le Zifere che riprendendo il tema della manifestazione ha sottolineato come: “…la cultura è cemento, e il collante della società. E che i libri sono i nostri miglior amici, ed è importante far divulgare la cultura”.

Lo scrittore Maurizio De Giovanni, dopo la premiazione ha ricordato l’importanza di stare accanto ai “… giovani, che devono restare a Napoli, città di cultura, di tradizione, di grande storia. Non è più il tempo di andate via per trovare lavoro e i premiati di Napoli Village testimoniano come sia possibile fare grandi cose, e cultura stando nella propria terra. La cultura è la grande password di questa regione ed è su quella che si deve e può puntare anche per il futuro”.

Il Sindaco Josi Gerardo Della Ragione dal canto suo, ha auspicato nei prossimi anni una sinergia fattiva tra tutti i comuni flegrei: Bacoli, Procida, Ischia, Quarto, Pozzuoli, poiché conservano radici importanti. Inoltre, durante il suo discorso ha posto anche un pensiero a tutti gli Ischitani e alla località di Casamicciola: “Un segnale forte è stato dato dalle famiglie delle vittime, che, hanno rifiutato i funerali di Stato. Rifiutati perché hanno ricevuto un’aggressione sconvolgente. Gli ischitani, ma anche i napoletani, sono stati classificati come abusivi, mentre, eravamo ancora lì a scavare per trovare i corpi. Quando accade da queste parti è abusivismo, quando accade altrove sono tragedie naturali”.

Il Presidente Amedeo Manzo della BCC, dopo aver ritirato la statuetta realizzata a San Gregorio Armeno, ha ricordato che: “Gli artigiani hanno vissuto momenti difficili durante la pandemia, ma, finalmente, anche loro quest’anno potranno rivivere un po’ di serenità, data anche dal senso unico alternato. Siamo sempre al fianco di tutte le persone che hanno bisogno e faremo qualsiasi cosa per promuovere ancor di più la cultura nella città di Napoli”.

Il Rettore Lucio D’Alessandro dell’Università Suor Orsola Benincasa, ha puntato l’accento invece sull’importanza del mondo dei media e del giornalismo: “Ho voluto fortemente promuovere un corso all’università per i giornalisti, perché la nostra città ha bisogno di essere raccontata e ha bisogno di persone e giovani motivati”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments