MADDALONI – «Questa panchina è il simbolo della coscienza civile della comunità di via Napoli che tutta assieme sta dicendo no alla violenza sulle donne». Con queste parole la consigliera comunale Italia Tagliafierro ha tagliato il nastro con il quale formalmente ieri sera è stata inaugurata la panchina rossa in via Napoli a Maddaloni. «Non è stata inaugurata solo una panchina – ha proseguito la consigliera Tagliafierro – da ieri sera come comunità ci siamo assunti l’impegno morale di combattere tutti assieme contro la violenza sulle donne e, in generale, contro tutte le forme di violenza». Un impegno che è stato sostanziato dalla massiccia presenza di residenti che hanno risposto presente alla chiamata della consigliera Tagliafierro e del Comitato Spazio Verde la Rotonda che hanno promosso l’iniziativa. Significativa la rosa rossa poggiata sulla panchina e le due mani tese realizzate dagli studenti del liceo don Gnocchi di Maddaloni segno della volontà della comunità di sostenere chi è in difficoltà. «Voglio ringraziare il comitato e poi tutti i residenti per la vicinanza e il sostegno che mi hanno dato nell’organizzare l’iniziativa – ha proseguito la consigliera Tagliafierro – Fondamentale per la buona riuscita di questa iniziativa è stata la sinergia nata con l’associazione Rise Up e con la sua presidente Lucia Cerullo che porta avanti con determinazione la battaglia contro la violenza di genere. Grazie agli studenti del don Gnocchi per l’impegno profuso in questo lavoro e grazie alla loro dirigente Annamaria Lettieri che ha permesso che partecipassero a questo momento di festa e di impegno sociale. Grazie ancora al sindaco De Filippo e all’assessore Ventrone per il sostegno istituzionale che ci hanno dato e al collega Alfonso Formato per la sua presenza e per la vicinanza che ha dimostrato al progetto». E’ stata proprio l’assessore Ventrone ad aprire i lavori della serata evidenziando come iniziative simboliche come quelle di ieri abbiano una valenza importantissima in quanto la disparità uomo-donna è tutt’altro che superata. «Dobbiamo impegnarci quotidianamente a contrastare la violenza di genere dando forza a quelle donne che ancora oggi subiscono episodi di sopraffazione – ha sottolineato – purtroppo i numeri dicono che la violenza è presente nelle nostre vite basta pensare agli innumerevoli casi di femminicidio». Un concetto ribadito anche dalla presidente dell’associazione Rise Up Lucia Cerullo che ha sottolineato come, con la sua associazione sia in campo proprio per sensibilizzare le coscienze e per aiutare le donne vittima di violenza. «A breve in Provincia aprirà uno sportello – ha specificato – per aiutare tutte le vittime di violenza. Come associazione abbiamo realizzato anche un’app a sostegno delle donne». L’importanza del lavoro nelle scuole è stata poi ribadita dalla professoressa Alessandra Vigliotti componente del direttivo dell’associazione Rise Up. «Noi vogliamo essere un argine a questa violenza – ha specificato – il lavoro nelle scuole è fondamentale. Ringrazio la dirigente Annamaria Lettieri per aver aderito all’iniziativa: con questa panchina abbiamo lasciato un segno alla comunità maddalonese grazie anche all’impegno di un’eccellenza cittadina come il don Gnocchi».

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments