NAPOLI – Anche quest’anno, la sfida tra le università italiane per gli aspiranti analisti finanziari è stata particolarmente combattuta. Nel corso della finale nazionale tenutasi ieri a Milano, tra le undici Università in gara è stata la squadra dell’Università degli Studi di Napoli Federico II ad aggiudicarsi la vittoria della CFA Research Challenge 2024, organizzata dal CFA Institute e localmente supportata da CFA Society Italy, in collaborazione con FactSet e PwC.

La squadra vincitrice, composta da Giacomo Capasso, Renata Laccetti, Michele Lento, Martina Majella e Gaetano Stefanelli, guidati dal Prof. Giovanni Walter Puopolo, sotto la supervisione del mentore Michelangelo Gigante, CFA, FRM, si è aggiudicata il primo posto nel round nazionale, guadagnandosi così l’accesso alle semifinali EMEA previste per il prossimo aprile. Le altre tre squadre finaliste sono state l’Università Ca’ Foscari Venezia, l’Università degli Studi di Bologna e il Politecnico di Milano.

“Siamo emozionati e fieri di aver portato a casa la vittoria nel round italiano della CFA Research Challenge 2024, un risultato storico per la nostra università. Questo successo non sarebbe stato possibile senza il duro lavoro, la determinazione e l’impegno di ciascuno di noi ma non è solo un riconoscimento del nostro impegno individuale, ma anche della forza del nostro team e del supporto prezioso dei nostri professori, e tutti coloro che ci hanno sostenuto lungo questo percorso. Ora ci prepareremo con ancora più determinazione e impegno per la fase successiva, le semifinali EMEA, dove porteremo avanti il nome dell’Italia e dell’Università di Napoli Federico II con orgoglio e dedizione. Ringraziamo il CFA Institute, CFA Society Italy, GVS, FactSet, PwC e tutti coloro che hanno reso possibile questa incredibile esperienza formativa” hanno dichiarato i ragazzi del team vincitore.

La competizione, conforme agli standard del CFA Institute, si suddivide in tre fasi: nazionale, regionale e globale. Il team vincitore del round italiano avanza quindi alla competizione regionale EMEA, mentre la finale globale si svolgerà a maggio 2024 in Polonia, dove le sei squadre finaliste provenienti da Europa, Asia Pacifico e Americhe si contenderanno il titolo.

Gli studenti si sono sfidati affrontando l’analisi finanziaria di GVS, azienda italiana leader mondiale nella produzione di filtri e componenti per diversi settori, tra cui medicale, automotive, dispositivi di protezione individuale, elettrodomestici e filtrazione commerciale e industriale. Con 19 stabilimenti in varie parti del mondo e 29 uffici commerciali distribuiti globalmente, GVS ha rappresentato una sfida stimolante per i partecipanti.

Il Presidente di CFA Society Italy, Giuliano Palumbo, CFA, ha sottolineato l’importanza di questa competizione come ponte tra il mondo accademico e quello professionale: “CFA Research Challenge rappresenta un ambizioso progetto volto a promuovere l’innovazione e l’eccellenza nel contesto accademico e formativo. L’obiettivo primario è di preparare gli studenti all’ingresso nel mondo professionale, combinando le conoscenze accademiche con le pratiche e gli strumenti impiegati nel settore finanziario. Questa sinergia è sempre più vitale, considerando il rapido evolversi delle esigenze del mercato. Ambiamo inoltre a far emergere l’eccellenza delle istituzioni universitarie italiane a livello europeo e mondiale, dimostrando il nostro impegno per una formazione di qualità e all’avanguardia.” – afferma Giuliano Palumbo, CFA, Presidente di CFA Society Italia.

Giuseppe Quarto di Palo, CFA, University Committee Chair CFA Society Italy, ha coordinato l’organizzazione della CFA Research Challenge in Italia, ha dichiarato: “CFA Society Italy ha instaurato nel corso degli anni una solida partnership con le principali università italiane, con l’obiettivo di promuovere i valori fondamentali di integrità ed eccellenza professionale tra le nuove generazioni. Siamo entusiasti di poter offrire alle istituzioni accademiche e ai loro brillanti studenti l’opportunità di partecipare a una stimolante competizione, progettata per simulare l’esperienza di un analista finanziario professionista. Ai talenti più promettenti, inoltre, offriamo borse di studio per facilitare il loro accesso al prestigioso Programma CFA, consentendo loro di conseguire una certificazione di alto valore e riconosciuta a livello globale nel campo finanziario.”

Nelle passate edizioni, grazie alla solida preparazione degli studenti italiani, il Made in Italy ha brillato con la squadra del Politecnico di Milano, conquistando la finale regionale EMEA per ben cinque volte, negli anni 2023, 2022, 2016, 2014 e 2011, e vincendo la finale mondiale nel 2011.

L’edizione italiana 2024 della competizione di finanza ha visto il coinvolgimento delle seguenti università italiane: l’Università degli Studi di Napoli Federico II, il Politecnico di Milano, l’Università Cattolica del Sacro Cuore Milano, l’Università degli Studi di Firenze, l’Università Ca’ Foscari Venezia, l’Università degli Studi di Bologna, l’Università Politecnica delle Marche, l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, l’Università degli Studi di Pavia, la Sapienza Università di Roma e l’Università degli Studi di Udine.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments