22d70t9z

NAPOLI – Riparte la funivia del Monte Faito. Chiusa dal 2012 per interventi di manutenzione e di adeguamento sismico e funzionale, l’impianto riprende le corse e dopo più di tre anni di stop è stata effettuata questa mattina la corsa inaugurale della storica funivia che collega Castellammare di Stabia al monte Faito a un’altezza di oltre mille metri e ai comuni della costiera sorrentina.Nel 2012, la crisi dei trasporti dell’Ex Circumvesuviana investii anche la funivia del Faito e la società per far quadrare i conti decise di decretare lo stop alle corse a causa degli alti costi di gestione, non più sostenibili per un’azienda con i bilanci in rosso.

Dopo oltre due anni, Palazzo Santa Lucia decise di mettere al centro dell’agenda del governo regionale la questione arrivando a un’intesa con Eav e a un investimento di 2 milioni di euro.Così oggi, dopo i lavori di adeguamento dell’infrastruttura alla normativa antisismica della rete, i lavori si possono considerare conclusi. La funivia conta 2945 metri di linea che vengono percorsi in 8 minuti. Un mezzo di collegamento rapido molto importante per tutto il comparto turistico della zona del comprensorio stabiese e della costiera sorrentina.”Un’opera che avrà ricadute economiche sul territorio – commenta il governatore Vincenzo De Luca – Un’opera importante che ci offre un panorama mozzafiato davanti al quale uno si chiede: ma come si fa a non fare turismo qui?”. “Oggi, per me, è una di quelle giornate in cui si raccolgono i frutti di dieci anni di impegno istituzionale e politico perché, da assessore provinciale ai parchi e alle aree protette, mi impegnai personalmente, nel 2006, affinché la Provincia acquistasse, insieme, alla Regione il Monte Faito per salvarlo dal degrado e dalle mire degli speculatori”.Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, partecipando alla riapertura della funivia del Faito di questa mattina insieme al portavoce regionale del Sole che ride, Vincenzo Peretti.“La precedente Amministrazione regionale aveva abbandonato il Faito e la funivia che, nei fatti, stava diventando un pericolo perché lasciata nell’incuria più totale, mentre con la Giunta De Luca si è deciso subito di puntare su questo collegamento che permetterà ai campani e ai turisti di raggiungere facilmente uno dei nostri patrimoni naturalistici” ha aggiunto Borrelli per il quale “oggi si riconquista un pezzo importante del nostro territorio e si evita quello spreco di denaro pubblico che ci sarebbe stato qualora si fosse deciso di smantellare e rimuovere la funivia”.“Grazie alla riapertura della funivia, invece, si creerà un’economia sana che produrrà anche posti di lavoro per la gestione della funivia ma soprattutto per i tanti turisti che potranno raggiungere il Faito” ha concluso Borrelli per il quale “anche per il Faito ora bisogna pensare a strumenti e iniziative che possano tutelare e valorizzare quel patrimonio naturale senza imporre inutili vincoli”.

{youtube}XJ0eN8nyqVY{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments