NAPOLI – Il 15 marzo si celebra la Giornata nazionale del Fiocchetto Lilla, che mira a sensibilizzare sui disturbi della nutrizione che colpiscono molti giovani. La giornata è stata istituita nel 2012 dall’Associazione Ligure “Mi Nutro di Vita” ed è frutto dell’idea di un padre, che proprio in tale data ha perso sua figlia Giulia a soli 17 anni per bulimia. I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono patologie caratterizzate da una alterazione delle abitudini alimentari e da un’eccessiva preoccupazione per il peso e per le forme del corpo. I principali disturbi dell’alimentazione sono l’anoressia nervosa, la bulimia nervosa e il disturbo da alimentazione incontrollata (o binge eating disorder, BED). Il CEA dei Monti Picentini, in partenariato con l’Istituto Comprensivo Sandro Penna di Battipaglia dedica un approfondimento su tali temi per sensibilizzare le classi Seconde della Scuola Secondaria di primo grado. L’iniziativa, coordinata dalla dott.ssa Marino Maria, prevede due incontri, uno il 15 marzo con la psicologa e psicoterapeuta Patrizia Morretta che tratterà con gli alunni la componente emotiva legata al cibo e i principali disturbi del comportamento alimentare per favorire la capacità degli alunni di identificare la presenza di un DCA e incrementarne la capacità nel richiedere aiuto in caso di bisogno. Il secondo incontro il 17 marzo con il biologo nutrizionista Simona Di Giuda che illustrerà la dieta mediterranea, i benefici dell’agricoltura biologica e le tipologie di allevamento per aumentare, negli alunni, le conoscenze sui principi generali della dieta mediterranea e della sana alimentazione e per facilitare la lettura delle etichette alimentari per una scelta più consapevole dei prodotti. Il CEA, inaugurato lo scorso 19 febbraio, sta mostrando impegno nel sensibilizzare la cittadinanza del comprensorio dei Monti Picentini e dei territori limitrofi in piena sinergia con gli Enti Locali e le istituzioni scolastiche secondo i principi dell’Agenda 2030. Piccole attività per il momento, ma che, si spera, spronino ad adottare stili di vita ecosostenibili attraverso il coinvolgimento prima dei più piccoli e poi degli interi nuclei familiari.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments