NAPOLI – Almeno 46 farmacie on line non autorizzate che offrono illegalmente farmaci per la disfunzione erettile in Italia a un mercato potenziale di oltre 2,4 milioni di acquirenti nel nostro Paese. Centinaia di siti in tutto il mondo dietro i quali con la tecnica del web mirroring si nasconde il portale ucraino ipillcash, gestito da tale Mikle Bodro tramite la medesima mail support(@)eu-sup24x7(.)com.

Queste le risultanze del rapporto “La matrioska delle farmacie on line” redatto da Swascan, azienda del polo italiano della cybersicurezza Tinexta Cyber, riportato oggi nello speciale Dataroom del Corriere della Sera a firma di Milena Gabanelli e Simona Ravizza.

“Due mesi di indagini nei meandri della rete – dichiara il CEO di Swascan, Pierguido Iezzi – hanno permesso di scomporre l’enorme matrioska delle farmacie online, partendo dal portale più gettonato tra i vari siti che offrono la possibilità di acquistare farmaci senza ricetta: apertafarmacia(.)it.

La chiave per scoprire il vaso di Pandora di questo e di altri siti è stata la mail fornita per il servizio clienti, rivelatasi la stessa per tutti. Indagando le pagine nascoste di questi portali in cerca di informazioni su un possibile programma di affiliazione – prosegue Iezzi – è emerso che la totalità di questi siti è controllata da un unico portale, ipillcash(.)com, piattaforma che, una volta registrati, fornisce dietro pagamento l’intera infrastruttura per aprire una farmacia on line. Questa pagina web – aggiunge il CEO di Swascan – è la stessa che gestisce in background ordini, vendite, spedizioni e pagamenti e risponde al suo creatore, indicato colo lo pseudonimo di Mikle Bodro, nome probabilmente di fantasia che si ripete dal 2013 dietro tutte le infrastrutture web necessarie alla creazione di questi siti.

Questa persona – osserva Iezzi – risiede in un uno dei Paesi dell’Europa Orientale facente parte dell’ex Unione Sovietica, probabilmente l’Ucraina, poiché appare molto frequentemente in forum e pagine scritte in alfabeto cirillico e, soprattutto, perché quando contattato ha risposto tramite un dominio mail che corrisponde al fuso orario UTC+2. Se il servizio appare funzionante, visto che le consegne avvengono realmente – considera Iezzi – niente può essere detto sulla autenticità dei farmaci.

Di certo, però, i dati degli acquirenti non sono al sicuro – aggiunge Iezzi – dato che il portale ipillscash ricorre molto spesso nei forum sul darkweb in cui i Criminal hacker compravendono identità e dati rubati. È importante – conclude il CEO di Swascan – che le persone siano consapevoli che comprando farmaci senza ricette su queste piattaforme, oltre a incorrere in possibili frodi, mettono a rischio la propria identità digitale, con enormi ripercussioni sulla vita reale”.

Il report completo con le tecniche e i risultati completi delle indagini è disponibile sul sito di Swascan all’indirizzo https://www.swascan.com/it/farmacie-online/.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments